Ritorno (lampo) a Stoccolma

Per via di un kick-off (il classico evento all’americana a metà fra festa e punto sulla situazione) aziendale, sabato scorso sono tornato per una visita lampo (arrivo al mattino in aereo, ritorno la notte in treno) nella capitale
Il tempo poco clemente, con pioggia continua, ha subito smorzato ogni tentazione nostalgica, anche perchè a Malmö, mi si è detto, c’era un gran bel sole.

Il kick-off si è tenuto nel modernissimo Centro congressi dello Waterfront, inaugurato da pochi mesi. L’edificio è di quelli che farà discutere per decenni… a due passi dalla Stazione Centrale, visibile dalla città vecchia, e a fianco dello splendido palazzo del municipio (Stadshus), è, a mio avviso, uno dei parti folli dell’architettura moderna. Costruito prevalentemente in vetro e acciaio, vorrebbe rappresentare il moto dell’onda, con risultati molto discutibili resi ancora peggiori dal palazzone che fa comunque parte del complesso. Piace a pochissimi (personalmente ne conosco uno solo), viene schifato dai più: la mia prima reazione, quando me lo sono ritrovato davanti guidando da Gamla Stan dopo la scopertura, è stata decisamente inorridita. 😀

Waterfront building Stockholm 2010b

Waterfront building Stockholm 2010a

Premesso che il mio giudizio è completamente da osservatore e da profano, e che non sono contrario all’architettura moderna (ad esempio adoro il Turning Torso a Malmö), mi chiedo come si possa deturpare la bellissima Stoccolma con una roba del genere.

All’interno, le sensazioni riguardanti il centro congressi sono più contrastanti: le sale con vista sulla Stadshuset sono davvero splendide e lasciano senza fiato, l’Arena per le conferenze è suggestiva e ben congeniata, altre parti finiscono per risultare un po’ fredde e con un feeling a tratti da grande capannone, a tratti opprimenti nell’utilizzo un po’ sproporzionato degli spazi.

Quello che, però, volevo far risaltare è questo: anche la struttura più moderna dell’avanzata Svezia non è esente da difetti strutturali che non possono non farci sorridere. All’interno del Waterfront, forse per tenere fede al nome del complesso, piove!

Raccogliamo l'acqua


Il tetto di vetro gocciolante

È bastata una normale pioggia per ricondarci che tutto il mondo è paese: puoi investire tutti i soldi che vuoi nella struttura più moderna della città, ma qualcuno si dimenticherà sempre di tappare i buchi!

Il Waterfront visto dal basso

Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...