Su di me

Daniele, classe 1974, Italiano, Genovese e, dalla primavera 2013, anche cittadino svedese.
Nel 2009 ho deciso di mollare tutto e mi sono trasferito in Svezia, prima a Stoccolma, poi a Malmö.
Sono sposato con una ragazza svedese e abbiamo avuto da poco una splendida bimba.

Per sapere qualcosa in più su questo sito e sulla vita in Svezia, vi consiglio di leggere la sezione Domande e Risposte.

148 risposte a “Su di me

  1. ciao daniele, fantastica la foto meatball+bandiera!😀

    bel blog! veramente! volevo chiederti se potevo inviarti quattro domande in merito alla tua vita in Svezia (Stoccolma). Se guardi il mio sito, l’ho fatto parecchie volte.
    Mi interessa molto il profilo “sociale”, ti dico che la mia ragazza (russa) sta finendo un master ad Umea, quindi la Svezia la conosco un pò. In aggiunta ho studiato un anno a Turku – dai cugini con complessi di inferiorità – finlandesi.

    tack🙂

    Mi piace

    • Ciao Davide, certo che puoi, fai pure!🙂

      Mi piace

      • domande standard, così da rendere paragonabile la tua storia con quella di altri.

        1. Che cosa ti offre in più la Svezia rispetto all’Italia? La consiglieresti ad altri?
        2. Come scorre la vita a Stoccolma? Hai mantenuto il tuo ritmo di vita inteso come hobby, lavoro o ti sei adattato in toto allo stile svedese?
        3. Che cosa consiglieresti di visitare in una tua ipotetica “Lonely Planet” Svedese?
        4. Chiudiamo con la domanda più scontata ma obbligatoria, che cosa ti manca dell’Italia in particolare?

        grazie!

        PS non ho la tua mail, tu dovresti vedere la mia da wordpress

        Mi piace

        • Rispondo qui perché è più divertente.

          1) Semplicemente un modo di vivere diverso, in cui, pur sicuramente con qualche difficoltà di adattamento, mi trovo più a mio agio.
          Sicuramente non la consiglierei all’Italiano medio, quello che si lamenta sempre ma “come l’Italia non ce n’è”, e si aspetta di trovare tutto identico a come è da lui. Sicuramente non a chi pensa di venire qui facendo l’Italiano, quello più furbo, quello languido.
          E, sicuramente, non mi sento di consigliarla a quelli che avrebbero difficoltà ambientali: se amate il caldo e vi terrorizza l’idea di giornate con pochissima luce, allora la Svezia non fa per voi.
          Mi sento di consigliarla a chi è dotato di apertura mentale e voglia di mettersi in gioco.
          2) Il lavoro lo sto ancora cercando. Finché ero single avevo sicuramente molto più tempo per i miei hobby, la cosa è cambiata da quando ho iniziato a convivere. Ma sarebbe successo lo stesso anche in Italia.
          3) Dovessi scegliere una cosa sola… il Pub Anchor a Stoccolma. Ma bisogna essere hard rocker.😀
          4) Il Genoa.😉

          Mi piace

    • Ciao Daniele. Spero che tu abbia due minuti di tempo per rispondermi. Cerco di non essere logorroica…
      Sono un addetto stampa di Roma e ho 31 anni. Il mio lavoro non mi permette l’indipendenza ed io mi sono stufata di essere trattata a pesci in faccia dal vip ripulito di turbo e magari doverlo anche ringraziare. Cambierei volentieri settore. So benissimo che la crisi c’è ovunque, ma quello che mi interessa è prima di tutto indipendenza e una mentalità differente da quella italiana.
      Ho già tentato nel 2008 in Uk: è andata male, ma voglio ritentare solo vorrei abbassare il più possibile il rischio di un ritorno in Patria. Due amiche di Malmo mi hanno suggerito la Svezia perché “more easy-going”. Sono così andata a gennaio con la neve e il gelo per vedere se il tempo mi dava problemi: nessun problema. Sicché mi sono messa a studiare svedese da sola con un libro per ingles, ma non vado oltre “Jag heter Francesca”; “Hur mår du?”; “Jag mår bra”; “Jättebra” e poco altro: IO non mi assumerei nemmeno per lavare i bagni. In più ho visto che gli europei hanno giusto 3 mesi di tempo per trovar lavoro altrimenti tornano a casa loro e niente personnummer.
      Attualmente sto mettendo da parte quanti più soldi possibile. Mi domandavo se era possibile riuscire a prendere tempo e a farsi dare il personnummer iscrivendosi a un corso di lingua svedese. Non mi riferisco agli “svenska för invandrare”: mi domandavo se esistessero corsi a pagamento nelle università. Lo chiedo perché ho letto online di italiani che hanno ottenuto il visto da studente in AUSTRALIA con dei meri corsi di lingua e mi domandavo se era possibile fare la stessa cosa in Svezia.

      Grazie fin da subito, Francesca

      Mi piace

      • Ciao Francesca.
        Ti dico già che con i corsi di lingua delle università non concludi nulla, anche perché sono scaglionati in corsi brevi (e non su base annuale).
        Fra l’altro, per iscriverti invece all’università vera e propria, devi passare un corso di Svedese non banale.
        La soluzione alternativa c’è: metti l’equivalente di (se non ricordo male) almeno 120000 corone su un conto corrente, e Migrationsverket ti da un permesso di un anno. Puoi controllare sulla versione inglese del loro sito.

        Mi piace

        • Specifico meglio: su un tuo conto corrente per uso tuo personale, non è che devi versare una cauzione o altro.

          Mi piace

        • Ho capito. Il concetto di base (giustamente) è che chi va in Svezia deve dimostrare di stare là senza bighellonare a vuoto senza dineros. Sono ancora lontana da quella cifra purtroppo e le mie competenze non sono richieste in nessun paese normale. Comunque: buono a sapersi, anzi ottimo! Grazie moltissimo per la risposta🙂

          Mi piace

      • Ciao Paolo. Ho visto che hai risposto ad un mio vecchio post di qualche anno fa. Dunque ti dico ad oggi come sto messa. Abito ad Hönö, un’isola del comune di Öckerö, provincia Di Göteborg. Qua sull’isola io mi trovo bene e non vivrei in città nemmeno morta: la maggior parte sono di destra, conservatori e blandamente razzisti. Dunque è il posto adatto a me. Mi sono trasferita in Svezia a luglio 2012. Ho vissuto due mesi in città e poi sono venuta in provincia, dove io, mio ma marito e forse altre venti persone siano le teste nere. Quindi da settembre 2012 abito qua, in una zona residenziale, piuttosto costosa. Io facevo due lavori (ora no, sono in mammaledig): di mattina operaia in fabbrica di salsicce (ma me lo aspettavo: un addetto stampa non è molto ricercato all’estero) e il pomeriggio insegnante di italiano qua sull’isola. Col primo lavoro guadagno (17.000 corone al mese. Una miseria qua in Svezia. Eppure mi sono comprata una macchina in contanti, ho pagato il mio matrimonio senza aiuti e ho messo in cantiere una famiglia. Gli svedesi non risparmiano? Problema loro). Col secondo lavoro mi diverto. In Italia la tredicesima serve a pagare il gas, la quattordicesima paga tares e acqua e in generale solo di bollette nel Lazio se ne vanno 700 a bimestre fra conguagli ed errori. Poi ci sta Equitalia. E io non sono ricca che posso permettermi Equitalia. Amicizie: che dire. Gli svedesi sono quasi logorroici per me. Spesso sono io che faccio finta di non vedere che qualcuno mi telefona o non ce la faccio a rispondere agli SMS subito. Durante il secondo avento mi sono trovata a dire una bugia ad una coppia di conoscenti perché sono stata invitata all’ultimo momento da persone che mi stavano più simpatiche. Ah qua sulle isole il 95% delle persone sono proprietarie di immobili. Non è proibito comprarsi casa. Non ci sta per forza la rata piccola a vita. Un mio vicino italiano si è comprato una villa su tre piani dando una caparra del 60% del prezzo (lui ripara biciclette). Capisci bene che così è come comprarsi una casa in Italia. Poi si è purtroppo divorziato dalla moglie. Ha ripreso i soldi e si è comprato un appartamento su l’isola versando il 70% ferma cifra. E si che essendo divorziato con due figli la banca gli ha prestato meno soldi di quando ha comprato la villa. Non so… Io vivo qua da meno di tre anni. Eppure agli svedesi basta poco: basta vedere che impari la lingua, che ti interessi della ricetta dello Jansson Frestelse e che lo mangi pure e in gioco è fatto: tutti ti inviteranno a casa loro.

        Mi piace

        • Ciao Francesca , non ho capito una cosa…chi è di destra conservatore e razzista? gli abitanti delle città? o della provincia? ti sei sposata li? come funziona con la maternità? e l’arte? un ingegnere lì avrebbe opportunitá di stare in provincia o per forza in città?
          ciao e grazie

          Mi piace

  2. grazie, la pubblico domani!

    Mi piace

  3. Ciao Daniele!
    Ho Da pochissimo scoperto il tuo blog e lo sto divorando con curiosità e desiderio di sapere le impressioni di un italiano che abita a Stoccolma.
    Ti importuno per un semplicissimo motivo: ho fatto domanda per un master in Svezia e, se tutto va bene e verrò presa, dovrò trasferirmi lì (vedremo in quale città, a seconda di dove mi accettano), quindi vorrei “approfittare” della tua presenza “sul campo” per farti qualche domanda tecnica, sempre se non ti infastidisce rispondermi.
    1) Per una studentessa è difficile, mediamente, trovare casa? Quali sono i prezzi degli alloggi all’incirca? E quanto costa mediamente al mese la vita?
    2) C’è la possibilità per gli studenti di trovarsi un lavoro nei week-end o roba simile?
    3) A tuo parere è difficile o no (prendendo un individuo medio) riuscire a fare delle conoscenze e stringere legami con le persone? Ci sono occasioni di incontro e svago? (Dato che, in teoria, potrei arrivare lì ma sarei sola, mi interessa molto anche il lato sociale della vita svedese!)
    Ti ringrazio in anticipo qualora leggessi il messaggio – e ti ringrazio doppiamente se riceverò risposta.

    Mi piace

    • Ciao Laura!

      1) Per la casa è difficile per chiunque. La cosa da fare è andare su blocket.se e chiamare immediatamente gli annunci di giornata. Magari, però, hai delle convenzioni per il master, prova a verificare. I prezzi… penso viaggino sulle 4000 corone al mese per una stanza nell’area metropolitana.
      2) Per il lavoro… Senza lo svedese è dura, ma forse per i lavoretti (che ci sono, direi) è più facile.
      3) in altre realtà è più dura, ma a Stoccolma i giri te li riesci a creare. Certo, ti devi sbattere perché gli svedesi sono chiusi. Magari ti viene più facile con altri immigrati, almeno inizialmente.🙂

      Mi piace

    • Ciao, mi chiamo francesco sono passati un paio di anni da questo tuo commento tuttavia volevo chiederti se ti ricordi i procedimenti che hai dovuto fare per iscriverti al master in svezia. Ti spiego meglio: io sto studiando economia e commercio (laurea triennale) a ferrara e a marzo 2017 dovrei laurearmi. Vorrei iscrivermi a un master (riguardante i miei studi quindi un master in economia) in svezia a partire da settembre dell’anno prossimo (quindi settembre 2017 o comunque quando è previsto l’inizio del master da settembre in poi). Sai per caso cosa dovrei fare? Grazie. Francesco

      Mi piace

  4. Wow! Hai già risposto?! Sei velocissimo, grazie mille!😀
    Terrò conto dei tuoi appunti, consigli e suggerimenti! Conosco alcune persone svedesi, ma nessuno è delle aree in cui potrei potenzialmente finire a stare, quindi non ho un feedback attendibile.
    Ti ringrazio tantissimo, sei stato molto gentile!
    Ah, un’ultima cosa… riguardo allo svedese: a me non serve impararlo per il master, ma dici che partire con una prima infarinatura potrebbe aiutare? Almeno per saper dire due o tre frasi…

    Mi piace

    • Se non hai l’esigenza di impararlo per questioni di studio o lavoro, puoi forse farne a meno. Gli unici problemi potrebbero essere se ti ritrovi a fare parte di una compagnia, in cui poi potresti sentirti esclusa dai discorsi (visto che qui tutti parlano inglese ma preferiscono sempre ricorrere allo svedese).

      Mi piace

  5. Ciao!
    Innanzitutto volevo farti i complimenti per il blog! Io li detesto ma il tuo lo riesco a leggere che è una meraviglia e soprattutto è divertente e si vede che non è fatto giusto perchè “di moda”🙂 Riesci a coinvolgere il lettore!

    Ok, dopo questo “lecchinaggio” passo al dunque😛
    Ho trovato il blog per puro caso mentre cercavo sul web notizie di Stoccolma. Se tutto va bene, ci devo venire con altri 5 amici fra un mesetto *_* E per me è quasi il coronamento di un sogno perchè sono almeno 15 anni (ora ne ho 28) che voglio fare un viaggio in Scandinavia!
    Mi ci rispecchio parecchio nella società svedese, amo la natura e l’organizzazione di stato e trasporti, non sopporto il caldo e adoro la neve ^_^ E questo è solo un veloce riepilogo, pensa che certe volte penso di essere nato nel posto sbagliato (sebbene adori l’Italia e il mio Salento🙂 ).
    Al momento stiamo ancora cercando alloggio e ci stiamo concentrando sugli appartamenti in affitto (staremo lì per 4 notti). Se hai qualche dritta da darmi in proposito te ne sarei grato😉
    In più abbiamo saputo che le nostre date coincidono per caso con la notte bianca lì a Stoccolma😀

    Spero di avere presto una tua risposta, mi ha fatto piacere leggere i tuoi post qui e sembri una persona simpatica e alla mano!

    Saluti dalla tua Italia🙂

    MAURO

    Mi piace

  6. Ciao, ho scoperto da poco il tuo blog facendo una ricerca su google. Sto organizzando un viaggio tra la Danimarca, la Norvegia e la Svezia, ma c’è una cosa che non sono riuscita a capire: aprile è un mese consigliato per un viaggio del genere? Il mio timore è che rischio di non godermi il panorama e gli scenari naturali che mi hanno incantato nelle foto…
    Grazie mille e goditi la lontananza dall’Italia finché puoi😉

    Mi piace

    • Aprile ha fondamentalmente due controindicazioni, direi.
      La prima è che, con le giornate lunghe poco più che in Italia, si perde una piccola parte del fascino esotico che invece si ha d’estate e inverno.
      La seconda è legata alle condizioni meteo: chiaramente ci sono tante belle giornate, ma il rischio di prendere pioggia e tanto freddo è sempre elevato.

      Mi piace

  7. Ma è vero che ieri (cioè un’ora e mezza fa) era il tuo compleanno?

    Auguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

  8. Ciao, Daniele!
    Io sono svedese ma mi incanta il tuo blog. Scrivi con tanta facilità sulla vita svedese et ammiro il tuo acuto sguardo ai fenomeni del nostro paese, senza esagerazione e con temi molto ben trovati. E tanto interessante leggere le osservazioni di una persona coltivata sul nostro ‘sistema’ e sulla vita di tutti i giorni, esempio il tuo lettore lasciato nel treno. In grosso, i tuoi articoli sono buona publicità per il nostro paese – non c’è un premio da cercare?
    Non ho fatto degli veri studi d’italiano ma ho passato sei mesi a Roma come studente negli anni ’60 e son tifoso di questa città si piena di storia e di tutta l’Italia, una destinazione frequente dei nostri viaggi. E questa estate servirò di guida a un gruppo d’Italiani che verranno a visitare la mia regione di Kalmar. Ecco perchè ho cercato un italiano adatto a raffrescare le mie conoscienze – e lo ho trovato!
    Grazie, Daniele, e buon coraggio per una lunga continuazione di articoli!

    Mi piace

    • Ciao Rune e grazie per i complimenti! Sì, devo ammettere di amare molto questa nazione e trovarmi molto a mio agio dal punto di vista “culturale”.
      Dubito, però, che qualcuno mi darà mai un premio, anzi… vista l’aria che tira, è probabile che qualcuno non sia molto felice se faccio venire altri immigrati da queste parti.😀

      Liked by 1 persona

  9. Ciao Daniele,
    Io dovrei venire a breve in Svezia perché vorrei aprire un conto corrente per poi trasferirmi nel giro di qualche anno con tutta la famiglia.

    Ti chiedo gentilmente qualche dritta per commettere meno errori possibile.

    Quale banca mi consigli e quali difficoltà potrei incontrare
    Ciao e grazie

    Diego

    Mi piace

    • La vedo dura: non puoi aprire un conto senza personnumer e, a quel che so, non puoi più avere il personnummer senza prima essere a posto con migrationsverket. Contatta questi ultimi prima di tutto, altrimenti rischi di fare un viaggio a vuoto…

      Mi piace

      • Ciao Daniele, scusa il disturbo, io vorrei venire a vivere a stoccolma o d’intorni. Sto mettendo soldi d’apparte su un conto corrente postale. Non vorrei fare un viaggio a vuoto, cosa mi servirebbe oltre alla lingua? Perche per una camera, magari qualche sito per una stanza la trovero, se no un hotel a basso prezzo. Dove posso informarmi sul migrationsverket e il personnumer? Cordiali saluti.

        Mi piace

        • Ciao. Per regolarizzare la tua situazione devi avere l’equivalente di 150000 corone su un conto corrente, un indirizzo di residenza e un’assicurazione sanitaria: se non sei fra le categorie cui le ASL rilasciano il modello S1, allora devi stipularne una privata che sia onnicomprensiva e che abbia un massimale di almeno dieci milioni di corone.

          Mi piace

          • Per l’indirizzo di residenza, devi assicurarti che al padrone di casa vada bene che tu prenda la residenza lì. Hotel o altro, generalmente, non vanno bene.

            Mi piace

  10. Ciao Daniele, bel sito davvero.. Volevo chiederti una cosa, io ho bisogno di andare a skane, ma non so come convincere i miei genitori perchè dicono che li non c’è niente da fare (Come turisti).
    Puoi aiutarmi, magari dicendomi se ci sono posti da visitare, cose da fare etc.?
    Grazie, in anticipo e scusa per il disturbo..

    Mi piace

  11. Ciao Daniele, complimenti per il blog🙂

    Posso chiederti un consiglio? Non son sicuro che tu possa rispondermi, ma io ho difficoltà a trovare informazioni in merito…
    Dovrei visitare Stoccolma e Luleå l’anno prossimo, a marzo, e mi chiedevo se fosse più conveniente prendere un aereo da una cittadina all’altra o il treno… Quest’ultimo magari per godersi i paesaggi🙂

    Tu cosa suggeriresti?
    Voli a/r opportunatamente prenotati in anticipo si trovano anche a 90 euro

    Mi piace

  12. Ti ringrazio per la rapidissima risposta😉

    Mi piace

  13. Ciao Daniele!
    il tuo blog mi ha affascinato e ne approfitto per chiederti due cosucce!!
    sono una studentessa di servizio sociale presso l’univeristà di Bologna e mi laureerò a breve alla triennale.
    il mio sogno è però quello di studiare welfare in una università scandinava, visto che a mio parere i paesi di questa area hanno il miglior sistema di benessere sociale del mondo.
    ho un po’ navigato su internet per trovare qualche corso di specialistica (master) adatto alle mie conoscenze ed esigenze e finalmente mi sono imbattuta nel corso sul welfare dell’università di Lund.
    ti volevo chiedere: è possibile iscrivermi ad un università svedese in autonomia (cioè non vincolata nè legata da programmi internazionali tipo erasmus), già possiedendo i requisiti linguistici richiesti, unicamente per farmi i 2 anni ed ottenere la laurea specialistica in Svezia??
    bisogna possedere qualche requisito particolare per venire a studiare nella tua Svezia??
    Ti ringrazio in anticipo anche solo per avermi offerto la possibilità di scriverti!!
    aspetto una tua risposta!!

    ciao ciao!!!

    Mi piace

  14. ciao mi chiamo mauro, 44 anni sposato con due bambine, io e mia moglie siamo stufi dell’Italia perchè non darà mai un futuro alle nostre figlie.
    Stiamo valutando quale nazione sia la migliore per andarea vivere, la Svezia è uno dei papabili, il problema è riuscire ad immettersi nel mondo del lavoro conoscendo solo l’inglese ed il francese, ma niente svedese, e come fare per riuscire a trovarlo, ho trovato sul sito della comunità europea degli annunci ai quali ho risposto, ma non credo che sia la strada giusta, to cosa consigli per una famiglia come noi.
    Scusa per il disturbo, continua a raccontarci le tue vicende con stile come fai ora, ciao da
    Mauro&Monica
    P:S: scusa se non ho scritto una gran lettera.

    Mi piace

    • Il grosso scoglio è sicuramente la lingua: o cercano esattamente te, per le tue competenze specifiche, o, se non sai lo svedese, ben difficilmente ti assumeranno. E lo devi sapere bene.
      Mi dicono che, ad esempio, in Danimarca sono decisamente più flessibili, e con l’inglese riesci ad avere più possibilità sul mercato del lavoro.

      Mi piace

  15. grazie di cuore , che salute ed amore non ti manchino mai.
    Ciao Mauro
    P.S.forza milan

    Mi piace

  16. ciao mauro,
    io ho disturbato tante persone per chiedere informazioni e dettagli suulla società svedese anche perche stiamo valutando sul serio la possibilità di comprare casa li in svezia…….
    …ma una domanda vorrei fartela anche io…. se non ti dispiace rispondermi….. da quanto tempo vivi in svezia e come hai imparato lo svedese?????

    Mi piace

  17. LA risposta è semplice io vivo in italia e non parlo una parola di svedese, ma non è un problema , una lingua si impara veramente vivendo in quel paese.
    Ciao Mauro

    Mi piace

  18. Ciao,
    volevo fart i complimenti, visto che sto trovando parecchie info utili nel tuo sito.
    L´ultima info che ho cercato é stata sul rinnovo patente, mi sa che non ho fatto la cosa piú giusta inscivendomi all´AIRE.
    Saluti da Karlstad !!
    Renato

    Mi piace

  19. Ciao Daniele,
    innanzitutto complimenti per il sito, lo trovo davvero interessante, un’esperienza di vita unica e reale, ti faccio i miei complimenti! Sono stato un paio di volte a Stoccolma e me me ne sono innamorato, anche se la prossima volta vorrei andare a Gotheborg (che te devo dì, amo In Flames e Dark Tranquillity :D) per darci un’occhiata! A pensarci bene, credo che per un po’ siamo stati “colleghi”, anche io ho scritto per il Rock Hard per un po’ di tempo, curavo la rubrica delle news😉.
    Ti vorrei fare una domanda: secondo te che stipendio “medio” sarebbe necessario per poter riuscire a vivere in Svezia? E’ una domanda un po’ strana e la risposta credo sia difficile, perché entrano in gioco diverse variabili…Ma, secondo te, con una vita “normale”, senza troppi eccessi e ovviamente con un affitto, con quanto si riuscirebbe a vivere senza dover mendicare?😀 ovviamente distinguendo tra città e paesi.
    A me sarebbe piaciuto riuscire a vivere per un po’ in Svezia ma, purtroppo, lo svedese non lo conosco e l’inglese lo mastico a stento, quindi credo che sarebbe difficilissimo, anche per lavoretti semplici…
    Teniamoci in contatto, se ti va, ok? A presto!
    Silvio

    Mi piace

  20. scusami mauro la mia domanda sull’apprendimento della lingua era rivolto a daniele… ciao…

    Mi piace

  21. ciao daniele i complimenti per il blog sono doverosi!!!…ho seguito con interesse tutte le informazioni che sei riuscito a dare a chi guarda con “invidia” la tua vita al nord…io amo la svezia da quando ero una ragazzina ma avevo abbandonato l’idea di trasferirmi molti anni fà, ho creato la mia vita in italia, ho un lavoro discreto una bella famiglia con tre bambini…ma la “mentalità italiana” non mi è mai stata molto comoda e oggi, con il disastro socio-economico che la politica italiana ha creato in un paese già martoriato dall’instabilità internazionale, persino mio marito guarda alla possibilità di una vita “altrove”..più per il futuro dei nostri figli e la possibilità di non dover andare a rovistare nei cassonetti a 70 anni dopo una vita di lavoro e soldi versati ad uno stato inesistente!!!…cerco possibili scenari ed informazioni…ho notato il tuo interesse per la buona cucina, da sempre scherzando io e mio mariro diciamo di voler aprire una “risotteria” in qualche paese esotico…ma non riesco a capire se esiste il concetto di cibo da asporto, come le nostre gastronomie, in svezia…non mi sento pronta all’idea di aprire un ristorante…siamo bravi dietro ai fornelli ma è un cucinare casalingo e tradizionale…sapresti indicarmi qualcuno o qualche sito dove trovare informazioni???…ti ringrazio è auguri per questo neonato 2012!!!!

    Mi piace

    • Quasi tutti i supermercati, quantomeno quelli grandi, hanno il reparto rosticceria/gastronomia. Inoltre esistono posti che sono un po’ l’equivalente delle nostre rosticcerie, ma fanno spesso anche da tavola calda. Mia suocera ne ha una vicino a casa, che, fra le altre cose, fa un’eccellente smörgåstårta.

      Mi piace

  22. Sono Marica, una mi amica è andata a Stoccolma a cercare lavoro, in questo momento si trova in difficoltà, puoi suggerirmi qualcosa.
    grazie

    Mi piace

  23. Ciao Daniele, ti ho linkato al mio sito http://www.eldieswriter.com nella sezione Italiani del mondo. Se ti va di ricambiare… altrimenti fa niente. A dogni modo magari ti piacerà una lettura gratuita nella tua lingua. Comunque blog davvero bello e utile. Mia moglie dopo averlo letto mi sta tormentando che vuole venire a vedere la Svezia🙂

    Mi piace

  24. Salve, son disperato, mi chiamo Alexander son nato e cresciuto in Italia da madre svedese e padre tedesco mi ritengo “Apolidie” non per diritto ma per cultura, in Italia mi chiamavano “lo svedese” e non è che mi sia integrato bene in Italia, qua mi danno dell´Italiano e la cultura Svedese mi sembra molto lontana, interessante ma ancora da esplorare.
    Comunque ha 19 anni mi son trasferito in Svezia adesso son 2 anni che vivo qua, vivo a Simrishamn (posto molto bello ma lontano dalla “civiltà”) ho contatto con l´Italia via skype ma sto impazzendo! Avvoltte è difficile comunicare con gli Svedesi e non mi sento me stesso al 100 %,
    Tutte le mie amicizie sono Svedesi, e avvolte quando vado in un locale e c´è uno straniero non esito a far qualche chiacchera. Esiste un club d´Italiani a Malmö?

    Mi piace

  25. ciao Daniele, sono Daniele!😉😉😉
    studio Economia e ho vinto una borsa di studio erasmus per l’anno prossimo! andrò a studiare a Vasteras per 6 mesi, alla Malardalen University… se conosci la città (che se non sbaglio dovrebbe essere relativamente vicino a Stoccolma) puoi darmi due dritte/ consigli o semplicemente raccontarmi com’è?
    Grazie mille e tantissimi complimenti per il tuo Blog!!!

    Mi piace

  26. Ciao Daniele, sono Alessandro complimenti ancora per il tuo Blog mi è davvero molto di aiuto. Domani parto per un periodo di lavoro a Fjallbacka (non so neanche ancora come si pronuncia) a circa un ora e mezza da Goteborg. Se tu o qualcuno dei tuoi lettori vuol venire a trovarmi mi farà piacere fargli assaggiare la mia pizza o qualche specialità Genovese e magari ricevere qualche tonnellata di suggerimenti su come integrarmi visto che mi sento un po spaesato🙂. A presto e complimenti ancora!

    Mi piace

  27. Ciao Daniele, io ho 17 e vivo in provincia di Napoli, la realtà intorno a me mi sembra stretta e opprimente. Più di tutto mi fa rabbia il fatto che in Italia facciano carriera e si realizzino persone incompetenti ed immeritevoli. La presa visione di queste situazioni, oltre a farmi incazzare terribilmente, mi porta a considerare seriamente la possibilità di andare a vivere all’estero, lontano da qui. Da quasi un anno ormai, sento che il posto nel mondo in cui potrei stare meglio è la Svezia, quindi ho pensato di studiare Svedese all’università, per avvantaggiarmi sulla lingua.
    Quando parlo della mia voglia di andarmene ai miei genitori mi pare che loro tentino di dissuadermi facendo discorsi iperbolici che in sostanza sono riducibili a “tutto il mondo è paese” e queste loro divagazioni tendono davvero ad abbattermi.
    Tu in Svezia cosa trovi che in Italia ti mancava? Cosa ti dà in più la Svezia che ti fa sentire di vivere in un bel posto? E soprattutto, sei felice della scelta che hai fatto?

    Grazie in anticipo e complimenti per il blog ^^

    Mi piace

    • Ciao Stefano, le risposte sarebbero troppo complicate da dare in un solo commento. Probabilmente ti conviene leggere alcuni vecchi post. Comunque sono felicissimo della mia scelta e non tornerei mai indietro.

      Mi piace

  28. Salve,
    ho scoperto per caso questo interessante blog e da appassionato dei paesi nordici voglio cogliere l’occasione per scambiare qualche riflessione con un italiano che ha sicuramente potuto osservare meglio il modo di vivere e di pensare degli svedesi.
    Questa estate ho potuto fare uno scambio di casa con una famiglia di Stoccolma che mi ha dato la possibilità di conoscere, seppur per breve tempo, da vicino quel mondo.
    L’impressione non è stata entusiasmante. Certo bei paesaggi, belle città, una vita apparentemente senza pensieri che, paragonata a quella di una città italiana, specialmente del sud, sembra il paradiso terrestre.
    Assoluta incomprensibilità, invece, degli svedesi.
    Lontani anni luce dal temperamento mediterraneo, hanno difficoltà a gestire le loro emozioni ed i rapporti umani se non su un piano di assoluto distacco e formalità. Alcool a parte, naturalmente.
    Nessuna empatia, nessuna passione, nessuna emozione, nessun sussulto del cuore o dell’anima.
    A volte ho avuto l’impressione, sicuramente falsa, che non abbiano idea di quello che noi consideriamo il galateo, ossia un’insieme di comportamenti e modi di fare che per loro sono forse un’inutile perdita di tempo.
    Un frigorifero, al confronto, potrebbe cantare “O sole mio”.
    Mi ha colpito poi questa loro propensione per lo stile di vita americano, apparentemente in contraddizione con l’alto livello culturale del popolo svedese.
    Tralascio il giudizio sul senso artistico ed estetico svedese che, com’è noto, è confinato dentro canoni assolutamente razionali ed algidi, di per sè in contraddizione con l’essenza stessa dell’arte e della creatività.
    Devo dire che già in Danimarca, che conosco bene, sono un po più aperti e caciaroni.
    Non a caso gli svedesi snobbano un po i Danesi considerandoli i terroni della Scandinavia.
    Riguardo poi ai rapporti di forza tra i sessi in Svezia, pure mia moglie si è convinta dell’assoluta predominanza del ruolo femminile su quello maschile che evidentemente non piace neanche ad una moderna donna mediterranea nonostante i suoi retaggi atavici di sottomissione della donna.
    Un mondo affascinante certamente la Svezia, ma a cui un mediterraneo, alla lunga, difficilmente potrebbe adattarsi senza sprofondare nella malinconia e nella depressione, alcool sempre a parte.
    Sarei oltremodo curioso di sentire le tue valutazioni su queste mie impressioni.
    Grazie
    Enzo

    Mi piace

    • È fondamentalmente una questione di differenze culturali, non di “galateo” o altro. Gli Svedesi sono semplicemente molto riservati e, visti dall’esterno, possono sembrare freddi. Ma sono persone che soffrono, si emozionano e si esaltano esattamente come tutti gli altri.
      Hanno generalmente un senso profondo del rispetto, perché hanno paura di ferire le altre persone: sono educati così sin da bambini.
      Mia moglie si sorprende quando un amico, o addirittura anche solo un conoscente, mi dice “eh, hai messo su peso, eh?”. È una cosa che gli svedesi non potrebbero mai dire, per paura di urtare la sensibilità altrui.
      Anche per questo ci mettono proprio tanto per entrare in confidenza: aprirsi è difficile, se hai paura di invadere la sfera altrui (e Stoccolma è sicuramente la città più difficile di Svezia, perché nelle metropoli si tende ad essere più chiusi nei rapporti).

      Però, se proprio parliamo di “galateo”, gli Italiani casinisti ed invadenti, non fanno spesso una gran bella figura all’estero.🙂

      Per quanto riguarda il rapporto uomo-donna, è semplicemente paritario. Solo che agli occhi di qualcuno proveniente da un paese che, da questo punto di vista, è arretratissimo come l’italia (secondo questa inchiesta di Newsweek al 59esimo posto, dopo Uzbekistan e Turkmenistan) finisce inevitabilmente per sembrare un matriarcato.

      Mi piace

    • Ciao Enzo,
      una informazione: come si fa lo scambio (per poche settimane) di casa con una famiglia svedese?
      Sarei interessato pure io. il mio e-mail e´ : grassooscar@hotmail.com
      grazie
      Oscar

      Mi piace

    • Ciao complimenti anzitutto per il blog molto molto interessantepiacere michela io l ultima settimana di febbraiosarò insieme al mio fidanzato li a stoccolma e ci interesserebbe andare a kiruna per l aurora boreale ovviamente vedere stoccolma e visitare anche gotemborg pensi che in una settimana sia possibile? Non parluamo molto inglese la cosa un po ci spaventa però non rinunciamo !!! La temperatura più o meno com è? Conosci qlc posto dove dormire? Ci sono piste da sci vicino stoccolma? Grazue mille in anticipo

      Mi piace

  29. Trovo il sito molto utile e ben fatto complimenti

    Mi piace

  30. Hej Daniele!
    Ho scoperto il tuo blog da non molto tempo e lo trovo davvero interessante e divertente. Anche io ho il sogno di poter vivere, in un prossimo futuro, in qualche paese scandinavo (o comunque del nord Europa), ma la ciliegina sulla torta sarebbe, appunto, la Svezia. Ho appena 17 anni, quindi ho ancora tempo per riflettere e decidere, ma penso che il mio futuro forse sarà lì, al nord🙂
    In vacanza a Sanremo quest’anno ho trovato in coop un articolo davvero interessante… vedi la foto che ti allego nel link qui sotto (che ho caricato sul mio sito personale):

    Complimenti per il tuo fantastico blog, lo controllo quasi giornalmente per attendere nuovi post, sempre interessantissimi!

    Tack, hallå😉

    Mi piace

  31. Ciao Daniele, ho scoperto solo ora il tuo blog. Anche io abito qui a Malmö da un paio d’anni e incontro volentieri altri italiani per un caffè e due chicchiere (specialmente ora che sono mammaledig), se ti va mandami una mail!
    Daniela

    Mi piace

  32. cos’è mammaledig ?
    Enzo

    Mi piace

  33. Ciao Daniele,

    Trovo molto bella l’idea del blog..
    Volevo solo domandarti un paio di cose se ti va di rispondermi..

    A) come mai hai deciso di lasciare tutto per la Svezia?

    B) per una piccola vacanza, quali sono i posti piu belli da poter visitare? Parlo di circa 1 settimana..

    C) per dei corsi, da autodidatta, tipo cd o libri base, sapresti consigliarmi qualcosa?

    Ti ringrazio in anticipo e ti saluto

    Mi piace

  34. Ciao Daniele
    anche io italiano, anche io quasi 38enne, anche io a Malmö

    Trevligt att träffas !!!

    Mi piace

    • Tutti a Malmo. Strano.
      Non sarà che Malmo, essendo vicina a Copenhagen è un po + mediterranea e quindi meno insopportabilmente “fredda” per un italiano di posti come Stoccolma dove la depressione è ad ogni angolo di strada ?
      Io ci sono stato solo per pochi giorni e quindi la mia può essere solo un’impressione. Ma spesso le prime sensazioni a pelle sono confermate dalla conoscenza razionale.
      Interessante conoscere il commento di chi ci vive, italiani ovviamente.

      Mi piace

      • Ci sono tantissimi Italiani anche a Stoccolma, anzi… le comunità più grandi sono, ovviamente, lì.
        “Depressione ad ogni angolo di strada”. Qualcosa mi dice che tu la Svezia l’abbia vista nei film di Ingmar Bergman…

        Mi piace

  35. beh, io a Stoccolma ci sono stato e anche se mi hado l’impressione di una città stupenda, per esempio molto più di Copenhagen, non ci vivrei mai se penso al freddo e alle poche ore di luce in inverno….anche se non è che qui a Malmö siamo in spagna😀. Però forse la vicinanza con la Danimarca (o anche la Germania, se vogliamo) non essere comunque così distanti dall’Europa, ci aiuta forse a superare la depressione invernale… (esperienza mia, almeno)

    Mi piace

    • Io ho vissuto sia a Stoccolma che a Malmö. Nella capitale dello Skåne la gente è sicuramente più ospitale, e i costi di alloggio sono più contenuti. Però, sinceramente, se non fosse stato per questioni di lavoro, non mi sarei mai mosso. Il clima di Stoccolma (tolte un paio di settimane in primavera e autunno, dove Malmö prevale) mi piace di più. Adoro le giornate eterne d’estate, e il freddo invernale non mi crea problemi (anzi, Malmö è molto ventosa e umida, preferisco di gran lunga le temperature più rigide – ma con clima più asciutto – di Stoccolma).

      Mi piace

    • Vedo che Manuel è un po più obiettivo nel giudicare la Svezia e cogliere qualche sfumatura.
      Sarà che per uno che viene da una città come Genova, con la sua raffinata cultura esistenzialista di estrazione francese, è difficile adattarsi a quella cultura nordica.
      D’altra parte non sarà un caso se gente come Gino Paoli, De Andrè, Fossati, Lauzi, Tenco, Renzo Piano e tanti altri sono nati a Genova e non a Stoccolma.
      Da appassionato di musica spesso mi chiedo se è mai stata composta in Svezia o in Norvegia una canzone come “Il cielo in una stanza”.
      E se mai in quella cultura sarebbe possibile afferrare il senso dello struggersi d’amore di un uomo per una donna, fosse anche la prostituta della canzone, e delle sublimi parole che le vengono rivolte, sempre nella canzone.
      Il dubbio rimane.
      Molto più vicini alla sensibilità country americana che al melodramma mediterraneo.

      Mi piace

      • Dei cinque musicisti “nati a Genova”, mi hai citato (vado a memoria, potrei sbagliare) un Goriziano, un Alessandrino, un Siciliano.
        Peraltro tu ti fai le domande senza indagare. Della scena cantautorale svedese cosa conosci? A me frega molto poco e quindi non ho mai approfondito, ma mi pare che un Kenta Gustafsson abbia scritto cose parecchio profonde, che non hanno nulla da invidiare ai nomi da te elencati (a parte forse Faber, che però è un mio pallino personale).

        Poi chiaro: paesi perfetti non ne esistono, ma non ci vuole un genio per dirlo.
        E bollare gli svedesi come persone gelide è semplicemente qualunquismo bello e buono.
        Addirittura sopra parlavi di “galateo”, proprio per gli svedesi che sono fra le persone più educate che ci siano…

        E, per quanto riguarda la musica, mi chiedo se in Italia siano mai state composte una Left Hand Path, una Black Rose Immortal, una At The Gallows’ End, una Angel Of Betrayal. Anzi, non me lo chiedo perché so già la risposta.😛
        E chi se ne frega del melodramma mediterraneo…

        Mi piace

  36. Concordo sul fatto che stoccolma è più bella di Copenhagen.
    Ma ho trovato la gente di là molto più distaccata e fredda che non in Danimarca, che pure non è la Sicilia. E’ pur vero che io
    ci sono stato in estate ma ho avuto l’impressione che forse il freddo climatico non è poi il peggio che si debba affrontare vivendo in quella città.
    Il senso di isolamento e di chiusura delle persone è impressionante per uno che viene dalla Sicilia.
    Persino sui campanelli dei portoni condominiali non scrivono il loro nome.
    Uno che volesse citofonare non sa dove suonare il campanello.
    Parlo del centro di Stoccolma non della steppa lappone.
    Sorprendente. Questo senso della chiusura esteriore riscontra poi un senso di chiusura interiore ed emotiva.
    Non avevo mai visto una cosa del genere. Eppure ho girato parecchio.
    Difficile da capirsi per uno che viene dalle terre della luce e del sole.

    Mi piace

    • Questa è una sequela di grandi luoghi comuni.
      La gente è accogliente anche a Stoccolma: riservata, sì, ma questo è un altro discorso. I nomi sui citofoni ci sono, quando sono citofoni. Il più delle volte, in realtà, sono solo serrature elettroniche, con codice “segreto” (segreto di pulcinella in molti casi, dato che lo conoscono dal pizzaiolo che consegna a domicilio all’operaio che viene a fare i lavori).
      Secondo me sei venuto su col pregiudizio, e non hai fatto nulla per cambiare idea.

      Liked by 1 persona

  37. Mi spiace contraddirti ma sono andato a vedere la Svezia ed alcuni amici svedesi. Per mia forma mentis viaggio da diversi decenni in ogni angolo d’Europa con il massimo dell’apertura mentale. Se possibile mi documento prima di partire sulla cultura, sulla storia e sulle regole sociali di ogni paese dove vado. Devo deluderti, ma per i paesi nordici ho avuto sempre una certa attrazione. Non del genere cui vorresti alludere tu, tipo pappagallismo italico o voyerismo felliniano. Quando Anita Ekberg spopolava in Italia avevo solo qualche anno e non potevo apprezzare.
    Devo dirti che purtroppo non esiste un paradiso terrestre. Ogni paese ha i suoi pro ed i suoi contro. La Svezia non fa eccezione.
    Grande ammirazione per le cose positive che hanno: rispetto per la natura ed il paesaggio, grande socialità, molta correttezza diffusa anche se qualche furbata la sanno fare pure loro e se vuoi, belle donne.
    Per contro, scarsa adattabilità e flessibilità mentale, scarso senso artistico diffuso ed inesistente “art de vivre” che connota la cultura mediterranea, francese ed italiana in particolar modo.
    Non sono convinto del tutto poi che alcuni capisaldi culturali della società svedese, derivati dagli anni sessanta, quali la ricerca ossessiva della parità e della perfetta intercambiabilità tra i sessi, un modello educativo e pedagogico esasperatamente basato sull’assenza di qualsiasi forma di autorità genitoriale, siano così efficaci come si ostinano a credere.
    Modelli culturali e sociali, in voga fino a qualche tempo fa, ma su cui forti sono i ripensamenti e le critiche di intellettuali e scienziati di ogni estrazione.
    E certamente non solo dei cattolici, da sempre critici in materia.
    Tralascio ongi considerazione sul “freddo” di Stoccolma ribadendo che quello più pungente probabilmente non è quello climatico ma quello delle persone. Perlomeno per uno che viene dal sole e dalla cultura mediterranea.
    Con il massimo rispetto.

    Mi piace

    • Stai davvero raccogliendo un’accozzaglia di luoghi comuni incredibile, dopo un semplice soggiorno di pochi giorni.
      Quante famiglie svedesi conosci? Con quanti svedesi hai a che fare quotidianamente? Quanto dentro sei alla loro cultura, prima di sparare sentenze del genere?
      A proposito di “art de vivre”, hai idea di quanto possa essere “mysigt” un semplice venerdì sera in casa con amici, in Svezia? Senso artistico: quanti svedesi conosci, per dire che non ne hanno? E non mi tirare fuori Michelangelo o Leonardo: non ci vuole certo un genio per capire che la climaticamente gelida e semidisabitata Scandinavia del Medioevo non poteva essere una culla culturale come l’affollato Mediterraneo dello stesso periodo.
      Ma un Anders Zorn, sai chi è? Hai idea delle incredibili favole per bambini che gente del calibro di Astrid Lindgren e Selma Lagerlöf ha tirato fuori nel ventesimo secolo? Hai idea dell’atmosfera che sanno creare gli svedesi nelle proprie case?
      Per quanto riguarda la parità dei sessi, immagino che tu ti diverta nel tuo ruolo di Uomo Vero: se tua moglie è contenta, buon per voi. Ma non aspettarti che, nel 2012, la società possa ritenere questa la regola.
      È, no, nessuno dice che i genitori non debbano essere autorevoli. Solo che si può essere autorevoli anche senza picchiare i propri bambini, anche se la seconda soluzione è sicuramente più facile.

      Mi piace

  38. Ciao Daniele,
    leggo sempre questo blog ma non intervengo mai perche se devo essere sincero un po ti invidio… anzi molto…
    Noi abbiamo attraversato la Svezia per un paio di settimane (destinazione Norvegia) quoto in pieno le tue osservazioni.
    Credo però che dovresti anche un attimino considerare chi caratterialmente si adegua meno facilmente ad usi e costumi diversi.
    Ovviamente se si arriva ad un termine di paragone geografico, politico ed organizzativo tra Italia e Svezia penso che piu di riscaldarsi sia il caso di sorridere….
    Se si considera la solarità delle persona bisognerebbe riflettere prima di parlare (io sono di caserta e vivo a trento da 7 anni e per quanto riguarda la vita sociale ed il calore umano lasciamo perdere).
    Per cio che riguarda l’arte e la genialità permettimi una considerazione personale.
    Io e mia moglie (con 3 bimbi piccoli) dopo essere stati al Nord per 15 giorni abbiamo cominciato a studiare Inglese ed è ormai 1 anno che mandiamo curriculum per poter trovare un lavoro tra Svezia e Norvegia perche ci siamo resi conto e convinti che l’arte (specialmente quella italiana) non è commestibile.
    Per cui, secondo me, se esite chi con l’arte ci mangia e ci vive, e, se c’è chi con l’arte sfama i figli ben venga. Ed ancor di piu se esiste chi col calore sociale riesce a sbarcare il lunario….. Che ci spieghi come fà….
    Noi con le canzoni di de andre e col calore sociale non ci viviamo…. forse siamo sbagliati….insegnateci voi….

    Mi piace

    • Ciao Pino. Sai… quello che mi fa “scaldare” è vedere criticare un popolo in toto solo dopo avere vissuto qualche giorno come turista in un paese.
      Nessuno dice che gli svedesi siano per natura espansivi e solari. Sono sicuramente persone che, per natura, tendono ad essere molto riservate. Ma non è una questione di distacco o freddezza: gli Svedesi si appassionano alle cose esattamente come gli italiani. Piangono per le tragedie, gioiscono per le cose belle. Hanno sicuramente una “scorza” che è più difficile penetrare di primo acchito (e gli Stoccolmesi sono _sicuramente_ quelli con la scorza più spessa, non lo nega nessuno) ma, come ho spiegato più sopra, è tutta una questione di riservatezza, di paura di invadere la sfera altrui.
      Quando leggo stronzate come “nessuna empatia, nessuna passione, nessuna emozione, nessun sussulto del cuore o dell’anima”, penso che forse dovrei chiudere la discussione, perché è chiaro che l’interlocutore non sa di cosa sta parlando e si culla nella propria presunzione e nella propria ignoranza.

      Mi piace

  39. Caro Daniele,
    posso comprendere il tuo entusiasmo nel magnificare acriticamente il mondo e la cultura svedese da cui sei rimasto evidentemente incantato.
    D’altra parte molte delle cose negative italiane, anche attuali, ci spingono ad esaltare istintivamente i tratti di una società e di una cultura che per molte cose è all’opposto di quella italiana.
    Questo tuttavia non basta per dare patenti di ignoranza e presunzione a chi la pensa diversamente ed avanza qualche osservazione critica.
    Visto che, poi, ti arroghi il privilegio della conoscenza, ti ricordo che Leonardo e Michelangelo non hanno niente a che spartire con il Medioevo, ma sono universalmente riconosciuti come gli emblemi del RInascimento italiano che ha dato all’Umanità buona parte delle opere d’arte ammirate in tutti i musei del mondo.
    Se poi vogliamo andare ancora indietro nella storia dei tempi, ti voglio dire che quando in Scandinavia regnava la barbarie nel mediterraneo avevano già inventato la democrazia ed il diritto romano. Ancora oggi è studiato in tutte le facoltà di giurisprudenza del mondo civilizzato.
    Quando alle latitudini polari si radunavano nei boschi per arrostire la selvaggina, ad Atene gli intellettuali si davano convegno la sera a casa di Platone per il “Simposio”, discutendo amabilmente di scienza, filosofia, arte.
    Altro che Astrid Lindgren e la sua “Pippi calzelunghe”, da te citata come emblema della cultura svedese.
    Per finire, dare del “goriziano” a Gino Paoli penso che sia quasi un’offesa ad un grande artista che, nato a Monfalcone, ha vissuto a Genova per tutta la vita da quando era in fasce incarnando, al pari di Faber, il disincanto esistenzialista della cultura di quella terra.
    Credo che lui vada orgoglioso della sua identità genovese tant’è che è considerato il capostipite della scuola genovese della canzone d’autore.
    Ma evidentemente non ti è molto simpatico.
    E posso anche capirlo. Gli Abba sono più allegri e pittoreschi.
    Con una sola canzone “Mamma mia” hanno costruito un’autentica fortuna.
    I Beatles al confronto sono dei poveracci.
    E questo è un altro merito che bisogna riconsocere: a fare affari gli svedesi sono bravi.
    Basta vedere come riescono a sfruttare un vecchio vascello ammuffitto esposto al centro di Stoccolma spacciandolo per la sesta meraviglia del mondo.
    Pensa se avessero la Cappella Sistina o la Pietà di Michelangelo.

    Mi piace

    • Se pensi che sia acritico, non hai letto attentamente il blog.
      Ti taccio di arroganza e presunzione, perché se dici che gli svedesi non hanno “nessuna empatia, nessuna passione, nessuna emozione, nessun sussulto del cuore o dell’anima”, offendi un intero popolo sulla base del nulla. Non sai nulla, non conosci nulla al riguardo, spendi qualche giorno in una città, tiri fuori approssimativi giudizi saccenti e te ne vanti pure.

      La distinzione fra Medioevo e Rinascimento è oggi considerata assolutamente fittizia, visto che, di fatto, rappresentano un continuum. Peraltro il Rinascimento si fa iniziare convenzionalmente nel 1492 e Leonardo ha realizzato gran parte delle sue opere prima di allora. Poi nella fretta di scrivere mi sarà anche scappata una cazzata, ma il discorso era comunque:”sì, bella scoperta. La Svezia non ha la tradizione artistica e culturale dell’Italia, ma non vedo come potrebbe essere diversamente. Troppo diverse le condizioni ambientali, geografiche, demografiche.”
      Guarda invece come trattano arte e cultura nei due paesi _oggi_. Guarda come si studia l’arte nelle scuole italiane. Lo studio della musica? C’è da mettersi a ridere.

      Non vedo cosa c’entrino gli Abba con tutto il discorso. Ti ho citato Kenta e artisti musicali completamente diversi. Gli Abba sono un gruppo pop. Certamente migliore di qualunque gruppo pop di puro intrattenimento uscito in Italia. E di canzoni ne hanno scritte e portate al successo ben più di una.

      Mi piace

  40. Ciao Daniele, ho trovato il tuo blog girovagando alla ricerca di notizie sulla vita in Svezia.
    Io e il mio ragazzo stiamo meditando di andarcene dall’Italia e stiamo valutando quale paese potrebbe fare al caso nostro, soprattutto per il fatto che il mio ragazzo vorrebbe riuscire a vivere facendo il musicista, o se non proprio viverci, ma riuscire a guadagnare anche facendo il musicista. Qui da noi purtroppo i musicisti sono valutati meno che nulla e non c’è spazio per chi vuole tentare la strada, i locali nemmeno pagano…Li in Svezia com’è la situazione? C’è possibilità effettiva di vivere facendo anche i musicisti?
    Io non ho particolari pretese, un lavoro vale l’altro.

    Grazie in anticipo.

    Mi piace

    • Ciao Federica, la Svezia è una nazione di musicisti, e ne conosco personalmente parecchi. La stragrande maggioranza, però, ha sempre bisogno di un lavoro vero per vivere, anche quando suonano in band che fanno date in tutta Europa. Tieni anche conto che, proprio in virtù del fatto che i musicisti sono tanti, la concorrenza è sicuramente elevata.

      Mi piace

  41. Tjena,
    Anche io ho abitato a Malmö; ci ho studiato per cinque mesi. L’anno prossimo tornerò a Lund per studiare.
    Posto chiederti se sai quanto tempo ci voglia per diventare sambo?

    Mi piace

    • Una volta che i due partner inviano al documentazione congiunta ci può volere qualche mese. Nel periodo in cui sei “in sospeso” in attesa di approvazione viene prolungato il periodo di soggiorno di 90 giorni.

      Mi piace

  42. Sei fantastico:)! Io sono svedese nata a Trelleborg ,cresciuta a Ystad.Ho conosciuto mio marito quando avevo un lavoro fisso ed un mio appartamento.lui voleva stare in Svezia, aveva anche trovato un lavoro.Io testarda volevo andare in Italia ,questo nel 1989,avevo gia’ fatto diversi lavori in Italia in più’ avevo studiato l’italiano all ‘universita’ di Lund.Adesso dopo 24 anni capisco che il mio amore per l’ItalIa ci ha fatto solo perdere quindi adesso siamo in partenza. In 4 per Svezia.fSperiamo bene!!Io saro’ l’unica della mia famiglia dii lasciare l’Italia con il cuore in frantume….

    Mi piace

  43. Ciao Daniele sono passato di qua e siccome come diciamo noi “eimu sa detu”, nel senso che la mia bella fetta di vita all’estero con lavoro in UK l’ho già fatta non ti faccio domande e neanche ti parlo di calcio perchè immagino sarai informato… ogni tanto mi viene il pensiero di venire dalle tue parti per fotografare l’aurora boreale ma le temperature mi fanno desistere… e quindi ti mando un salutone da Zena che immagino ti farà piacere. ciao

    Mi piace

  44. Ciao Daniele,
    Ho letto il blog come molte altre persone e l’unica persona con la quale condivido il pensier é Enzo.
    Ora, premettendo che ho vissuto a Stoccolma per 5 anni, e che la mia famiglia ( 2 bimbi, e la mia ragazza) abitano ancora li perché bisogna ammetterlo socialmente sono AVANTI!!!!!!
    Rispetto al massimo che tu adori la Svezia( ne ero molto intrigato anch’io da giovane, adesso la odio).
    Ho trovato molta falsità, sorrisi finti di circostanza(e parlo su basi giornaliere!!! Ho trovato la gente che sapeva tutto loro, almeno in teoria poi in pratica non lascerei mai far fare un lavoro manuale ad uno svedese, per me fanno i lavori alla carlona!!!!!)
    Ti giuro so che ci sono persone(poche) come te che stanno da dio li e da una parte vi ammiro, ma la maggior parte degli immigrati non piace vivere li, e te lo dico perché ne ho conosciute molte e non solo italiani, anzi.
    Ora io sono ritornato in UK dove per me è casa, dove accetto la cultura inglese solo perché mi piace pur sapendo che tanta gente e solo capace di sputare nel piatto dove mangia e che nonostante tutto va avanti a vivere e lavorare qua ma per loro gli inglesi sono un popolo di merda!!!
    Dimmi una cosa che mi “perseguita” ma perché Stoccolma si auto definisce la capitale della Scandinavia??
    Cioè, è come se a Roma scrivessero ovunque ( con tutta la ragione di questo mondo) benvenuti nella capitale del mondo!!
    Ripeto ci ho abitato 5 anni, ho la mia famiglia che vive ancora la( e la mia donna non ha intenzione di muoversi) ci vado spesso ogni 2-3 settimane per stare con i miei bimbi,ho girato il mondo per lavoro, credo di avere una mentalità aperta ma con loro proprio no!!!!!!
    C’è da dar loro credito su questo, son capaci di venderti il ghiaccio nell’artartico e la sabbia nel deserto!!

    Mi piace

  45. Pingback: World View | Uno sguardo al mondo

  46. Leggo da qualche tempo con piacere il tuo blog.
    Solo oggi mi sono reso conto che sei rossoblu. Bella sorpresa.
    Forza Genoa.

    Mi piace

  47. Cavolo! Posta in questi termini sembri venir fuori dal libro di Paolo Giordano, La solitudine dei numeri primi😉

    Mi piace

  48. Ciao! Sono arrivata al tuo sito perché sto cercando febbrilmente informazioni sulla vita svedese.
    Vorrei partecipare ad una summer fellowship al Karolinska di due mesi, ma non sapendo ancora se tale borsa mi verrà data per pagare effettivamente volo e alloggio o come rimborso, ho bisogno di sapere quali costi aspettarmi per tutta l’esperienza per capire se me la posso permettere (detto proprio brutalmente)… anche perché me la dovrò vedere da sola, senza appoggio dei miei, e siccome sarebbe la mia prima esperienza da sola fuori mi mette un po’ di ansia.
    Hai scritto nel sito che il costo della vita è un po’ come nel Nord Italia ma leggermente più caro, ma secondo te che budget dovrei avere al mese (ovviamente, senza troppe pretese, mi adatto ma senza morire di fame :D) per vivere a Solna/Stoccolma? Come sono i mezzi pubblici? E c’è il wifi all’aperto gratis a Stoccolma come a Milano? Grazie!

    Mi piace

    • Ciao. Quando avevo scritto del costo della vita, il rapporto corona euro era favorevole a chi aveva l’euro. Ora direi che la situazione è un po’ peggiorata.
      Se trovi una stanza a un prezzo accettabile. secondo me ce la fai con 1100/1200 euro senza troppi sacrifici.
      I mezzi pubblici sono magnifici, il wi-fi gratis… è un po’ che non bazzico Stoccolma, ma all’epoca ce n’era molto poco.

      Mi piace

  49. Ciao Daniele,
    sono Sonia di Milano.
    Avrei bisogno di un’informazione.
    Mi piacerebbe vivere in Svezia per un periodo superiore a tre mesi.
    Ho tutti i documenti richiesti nel modulo 141011 per dimostrare che posso vivere in Svezia in qualità di persona con i fondi sufficienti per il mio personale sostentamento.

    Vorrei stipulare un contratto di affitto, ma non ho il numero di identificazione personale.
    Come posso stipulare questo contratto, dal momento che la persona che mi può affittare l’appartamento mi richiede questo numero?

    Non so come uscire da questo vicolo cieco.
    tu mi puoi consigliare, visto che conosci così bene la Svezia?
    Spero che mi puoi rispondere presto.
    Un salutone.

    Sonia.

    Mi piace

  50. Ciao Daniele. Spero non ti risulti inopportuna la mia richiesta, ma ho un cruccio che mi frena nella decisione di venire lassù. Inizialmente pensavo alla Danimarca, ma poi cercando info sul web sono imbattuta nella notizia agghiacciante, per me, che in quel paese è legale usare cani per la prostituzione e mi dicono che questo orrore è diffuso pure in svezia. Io sono una appassionata di cani, ho una Labrador, e son rimasta…e questo sarebbe il loro grande rispetto per la natura? Dimmi, ti prego, che non è vero!! Non ce la farei a passare davanti ad una “casa” del genere senza urlare come una pazza italiana ” brutti porci maiali!!!!” Grazie, ciao

    Mi piace

    • Ciao, nessun tipo di prostituzione è legale in Svezia. Non so per la Danimarca, ma qui è illegale pagare per prestazioni sessuali (viene quindi punito il cliente). Quella con gli animali mi sembra una cosa davvero assurda…

      Mi piace

  51. Ciao Daniele. Ho letto sul tuo sito alcune info sui trasporti.
    Io sarò ad agosto in Svezia con mia moglie: Norrkoping, Malmo, Goteborg, Stoccolma.
    Vorrei chiederti se hai qualche info in più.
    In particolare:
    Spostamenti tra le città – il modo migliore più veloce e più economico mi sembra il treno se si comprano i biglietti per tempo. (sj.se)
    A Malmo ho visto che c’è la possibilità della jojo card e della duo. Si compra prima la Jojo e poi la Duo?
    Hai altre info su Goteborg e Stoccolma?

    Grazie

    Mi piace

  52. Grazie Daniele.
    Sto cercando un po’ di info sui trasporti.
    A Malmo ho visto anche la jojo-card che da quello che ho letto sembra interessante. Soprattutto per viaggiare in due.

    Mi piace

  53. Ciao Daniele spero che tuoi consigli non siano diretti esclusivamente ai italiani. Sono cubana e vivo da 7anni in Italia adesso per diversi motivi vorrei emigrare proprio in Svezia però in internet e difficile per me encontrare informazioni specifiche per la mia nazionalità. El clima e difficile però io sono convinta so che probabilmente per me c’è molta più Difficoltà visto che non sono di là EU però Paolo Coelho ha detto che il impossibile e un punto de vista. Tanti saluti

    Mi piace

  54. Ciao!
    Non sapevo dove altro scriverti, quindi commento questo post ringraziandoti per aver aggiunto il mio blog nella sezione “Italiani in Svezia”! Mi fa molto piacere!
    Grazie per condividere la tua esperienza, ti seguo da fin prima che partissi per la terra scandinava e mi ha aiutato molto😉
    Buon proseguimento! Anna

    Mi piace

  55. Ciao Daniele,
    visto che sei un appassionato di calcio, che squadra hai scelto di seguire (e perchè) a Stoccolma? Chissà se il tuo Genoa verrà mai a farti visita…..:-)

    Mi piace

  56. Ciao Daniele!
    Io l’anno prossimo sarei dovuto venire a studiare in Svezia come exchange student, ma purtroppo non ho passato le selezioni e mi toccherà rimanere in Italia.
    Comunque non mi do per vinto e intendo venire in Svezia ad ogni costo. Avendo solo 17 anni, l’unico periodo in cui posso venire lì è quello estivo. Ho fatto un giro sul web e i prezzi delle “vacanze studio” sono a mio parere proibitivi: 11mila euro per 8 settimane. Inoltre ho sentito che lo stato mette a disposizione dei corsi gratuiti per gli stranieri, anche se non mi è del tutto chiaro come funzioni. Mi piacerebbe davvero trascorrere l’estate lì e frequentare un corso di svedese che non sia esageratamente costoso, ma non so davvero come muovermi e a chi rivolgermi. Puoi darmi una mano, delle dritte? Te ne sarei immensamente grato🙂

    Mi piace

  57. Ciao Daniele,
    stavo curiosando su internet cercando info su corsi di svedese per bambini stranieri e mi sono imbattuta nel tuo bellissimo blog! Complimenti!! Per caso hai notizie a riguardo o sai indirizzarmi su come meglio potermi informare?
    Grazie, Sarah ’74

    Mi piace

  58. Complimenti per il blog, molto bello.
    Mi chiamo Daniele anch’io e come te mi sono trasferito qui da Milano nel 2009, il primo anno a Lund e da 4 anni a Uppsala..Nel 2013 ho avuto la fortuna di diventare papá di una splendida bimba di nome Ester.

    Ha det bra🙂

    Liked by 1 persona

  59. Ciao Daniele, non ho mai pensato di fare una vacanza in Svezia, ma se un giorno dovessi venire, so adesso a chi rivolgermi. I blog che mi fanno un pò “evadere” dalla mia realtà sono sempre ben accetti. Complimenti!!

    Mi piace

  60. Ciao Daniele, complimenti per il tuo blog che da tante risposte ai curiosi che siamo. ti faccio una domanda, perché fine adesso non ho trovato nessuna risposta – vivo in Italia con il mio compagno italiano ( io sono francese) e abbiamo una figlia di 5 anni- e dobbiamo molto probabilmente trasferirci a Stoccolma tra 1 anno. per 3 anni.. ma la mia domanda.. dove posso fare imparare l’italiano alla mia figlia ?? sai se c’è una scola o qualcosa così per gli espatriati ?? se c’è qualcuno che ci vive e che ha trovato una soluzione sarei contenta di condividere questa cosa con voi!! grazie mille- Clo

    Mi piace

    • Ciao Clo, essendo che tua figlia è madrelingua italiana, una volta che avrete preso la residenza, avrà diritto all’insegnamento gratuito della lingua nell’ambito del sistema scolastico svedese. La differenza è che la scuola inizia normalmente a sette anni, in Svezia.

      Mi piace

  61. Risposta caustica e molto simpatica !
    Avrei voluto fare lo stesso io quando avevo l´eta giusta, ma e´ tempo perso rimpiangere il passato che non si e´ stati capaci di affrontare.
    Oscar

    Mi piace

    • Ciao Oscar. Non so quanto io abbia l’età giusta. Sono partita a 32 anni. A marzo ne compio 35 e partorisco il mio primo figlio a febbraio. Mio marito è partito che ne aveva 34 e ora va per i 37. Penso solo che non avevamo molto da perdere con tutto che io ero addetto stampa e lui biologo e che siamo finiti a lavorare in fabbrica per il minimo sindacale svedese.

      Mi piace

  62. il mio commento era rivolto al post di Francesca.
    Oscar

    Mi piace

  63. Ciao Francesca, io sognato sempre di venire in Svezia da giovane, ma non ho avuto la forza di rompere con tutto e tutti in Italia. Son venuto in Svezia sul finire della mezza eta´, quando avevo perduto il lavoro in Italia (tra i primi esuberi verso la fine degli anni ´90) ed anche la famiglia, ma ormai era troppo tardi per integrarmi, o per imparare bene la lingua svedese o cercare un lavoro som helst. Sono rimasto in Svezia dieci anni e poi deluso non dalla Svezia, ma dalla mia situazione sono rientrato in Italia. Dopo quattro anni di lontananza, ora sono tornato (ho il permesso di soggiorno permanente, per pochissimi mesi non mi hanno rilasciato la cittadinanza svedese), ma non so quanto staro´ a lungo, perche´ la precarieta´ e´ dura da gestire.
    Auguri a Te e al tuo bambino che sta per nascere. Sicuramente lui vivra´ qui´ in un mondo migliore. ciao.
    Oscar

    Mi piace

  64. Ma che dici? Non serve il “passaporto”. Serve il personnummret, non è necessario avere la cittadinanza svedese. Io sono stata i primi quattro mesi senza lavoro (da luglio 2012 a ottobre 2012). In quei quattro mesi mi sono azzerata in conto italiano perché l’euro era sceso e i miei risparmi sono risultati insufficienti, poi si pagano più commissioni per prelievo all’estero: un casino. Senza lavoro fisso non si può avere il personnummer. Il mio primo contratto è stato di tre mesi. Con questo contratto ho ottenuto il samordningsnummer (un numero identificativo, utile a far alcune cose ma non altre. Per esempio non potevo comprarmi una macchina). Con il samordningsnummer, il contratto di tre mesi, la lettera del datore di lavoro sono andata alla stessa banca dove la mia azienda aveva il conto (e su consiglio del capo del personale ho detto allo sportellista: “sembra che il mio datore di lavoro sia vostro cliente”). Risultato: conto aperto in quindici minuti. La banca non è il top svedese, io sto con Handelsbanken. Questo pare essere un altro trucco: cercare fra le banche minori. Le cose forse sono cambiate, ma non serve la cittadinanza svedese per aprire un conto!

    Mi piace

  65. Ciao Daniele!
    Esiste in Svezia la filosofia dell’Home Restaurant?
    Altra domanda, sto valutando alcune cose, ormai da cittadino Svedese attento, come vedresti la produzione e vendita di Piadina romagnola?
    Grazie
    Alex😉

    Mi piace

  66. Ciao Daniele, forse tu saprai darmi un consiglio: per fare domanda per un bachelor in Svezia il sito delle ammissioni svedese mi richiede traduzioni “ufficiali” e “autorizzate” di pagelle e diploma: da chi devo far tradurre i documenti? Serve una traduzione giurata e una apostille?

    Mi piace

  67. Ciao Daniele:)
    Volevo chiederti informazioni sull’università svedese. So che è tra le migliori istruzioni in europa, e dato il mio amore per il paese mi piacerebbe frequentarla li. Sai se ci sono agevolazioni, borse di studio o altro?
    So che si deve sapere bene la lingua e avere una certificazione alta. Il problema non lo definirei la lingua, perché ho degli amici svedesi conosciuti in uno scambio, sto imparando la lingua sola e con loro. Poi l’estate prossima punto ad andare a Nacka(O anche Stoccolma) per lavorare da babysitter come ragazza alla pari. Il problema sono i soldi: l’università costa?
    Grazie in anticipo:)

    Mi piace

    • Ciao, non so dirti al riguardo di borse di studio, ma l’università è sicuramente gratuita. Più che altro non sottostimare la questione lingua: per l’accesso all’università è necessario passare un esame di svedese “aulico”, per cui esistono corsi specifici.

      Mi piace

  68. Ciao Daniele,

    ho letto (non solo oggi) con molto interesse il tuo blog, complimenti, anzi grattis!🙂
    Cerco di non tirarla troppo per le lunghe ed approfittare della tua pazienza!🙂
    Da molti anni frequento la Svezia, ho degli amici Svedesi, parlo uno Svedese B2+ (come certificazione sto ad uno Swedex B1).
    Lavoro nel campo IT, ho 45 anni (tanti? pochi? Non so, di sicuro mi mancano quasi 25 anni per la pensione, quindi sono e mi sento molto giovane, per il lavoro e pure per tutto il resto) e sto preparando il mio trasferimento in Svezia per il prossimo anno visto che la Svezia mi piace molto, non sarà il paradiso in terra che vede un viaggiatore, ma credo semplicemente che sia giusto seguire le proprie idee ed i propri sogni (inoltre qui in Italia va come va, si sa…).
    Ho già parlato con lo Skatteverket, con l’Arbetsförmedlingen e con altri (oltre con i miei amici Svedesi) e mi sono abbastanza chiarito sul come funziona l’ottenimento del Personnummer e quanto altro.
    Mi rimane però un punto che non riesco a chiarirmi e dove ho letto e sentito idee varie: ottenere un indirizzo fisso Svedese.
    Intendo: da dove parto?
    Non vorrei comprare nulla all’inizio, credo sia meglio affittare qualcosa in quanto non è detto che se all’inizio scelgo Stoccolma poi quello sarà il posto dove trova un lavoro.
    Affitatre di prima mano è impossibile, tralascio i tempi infiniti, ma senza Personnummer…
    Si può affittare di seconda mano ma qui cosa si può consigliare? Blocket.se? Altro?
    Sono in un “loop”!
    Se gentilmente hai qualche info ti ringrazio di cuore!
    Chiudo solo dicendo che negli ultimi 10 mesi mi sono mangiato le mani perché avevo trovato tre lavori (fatto pure colloqui), tutti molto interessanti, ma il fatto che non ero già lì mi ha impedito di ottenerli, avevano una certa urgenza!
    E’ stato frustante e quindi ho deciso di trasferirmi e poi si vedrà!
    Grazie mille!

    Mi piace

    • Ti direi di mettere tu un annuncio su Blocket e aspettare le risposte. Non mollare però una corona prima di incontrare il proprietario e vedere di persona l’appartamento. Nel frattempo puoi, all’inizio, utilizzare Airbnb per avere un appartamento per un periodo molto breve (i costi sono generalmente elevati) mentre cerchi qualcosa di un po’ più stabile.

      Mi piace

  69. Ti ringrazio moltissimo per le info ed i consigli!🙂

    Mi piace

    • Ciao Daniele,
      per il botjansten.se non è che abbai avuto grandi ritorni, nel senso che prima devo pagare e poi arrangiano dei “visning”… boh! Forse funziona ma non saprei, vedrò in un futuro prossimo. In ogni caso sto diventando matto per un problema che non avevo preso nella giusta considerazione, forse: l’assicurazione sanitaria (mi trasferirò come “arbetsökande/egna medel”)! Per quanto stia vedendo con varie compagnie assicuratrici qui in Italia (e non solo) e scrivendo allo Skatteverket (che rispondono sempre e sono molto gentili, questo va precisato) non riusciamo a capire che tipo di assicurazione sanitaria serva! Loro parlano di “heltäckande sjukförsäkring”, ok, ma cosa significa realmente? Posto che la TEAM serve solo per trasferimenti temporanei (turistici) inferiori ai 30 giorni e che altre forme come il mod. S1 sono per chi va all’estero come lavoratore distaccato le assicurazioni private vanno dalle classiche infortunio + malattia (che già ho) alle assicurazioni sanitarie (che sono un’altra cosa ed hanno tutt’altro costo).
      Per caso tu hai qualche idea? In ogni caso mi recherò allo Skatteverket a Stockholm tra un paio di settimane, quando sarò lì qualche giorno.
      Grazie mille!

      Mi piace

  70. Ciao Daniele, questa estate sono andata in Svezia e sono tornata distrutta. Mi sono letteralmente innamorata di Uppsala ma anche di Stoccolma. Mio figlio 15 enne si è’ innamorato delle svedesi , mio marito dei parchi infiniti dove correre. Insomma siamo tornati con le orecchie basse….Se avessimo avuto 20 anni avremmo certamente lasciato l’ Italia, senza pensarci un secondo, ma siamo “vecchietti” (io 47 e lui 45) e non credo che la Svezia abbia bisogno di noi…. Vorrei però’ consigliare a tutti di andarci almeno una volta nella vita è giudicare con i vostri occhi. Ho trovato civilta’, bellezza e gente assolutamente empatica. Ho visto macchine fermarsi 10 metri prima delle strisce pedonali, gente fare le code senza sbraitare, pulizia e ordine dappertutto… Che dire….Prossime vacanze Svezia !

    Mi piace

  71. blog ben scritto e molto interessante .
    hai informazioni su limitazioni riguardanti spedizione di cibo da italia a svezia ? ho guardato nella sezione “domande e risposte” ma direi che non ci sia nulla.

    saluti

    federico cricchio

    saluti
    federico cricchio

    Mi piace

  72. Caio Daniele,
    un’azienda svedese mi ha proposto un lavoro a Stoccolma nel campo dell’IT per 3000 euro netti al mese. Secondo te, con una moglie e figlio di 2 anni riusciamo a vivere dignitosamente affittando un’appartamento non lontano dal centro città? Almeno per i primi mesi, poi manderemo il bimbo a scuola e mia moglie cercherà lavoro.
    Grazie,
    Andrea

    Mi piace

  73. Ciao Daniele, avevo una semplice domanda: un cittadino europeo che si trasferisce in Svezia quali aiuti ottiene dal Paese? Ha possibilità di essere mantenuto prima che trovi un impiego?
    Ciao, grazie mille

    Mi piace

  74. Ciao Daniele,

    ho letto il blog, ne sono stato rapito. Al momento non ho domande, ma ho solo il desiderio di dirti GRAZIE per l’impegno che ci metti e per le informazioni e sulle “cronache svedesi” interessantissime e puntuali che dai alla platea di Sweden-Daydreamers come me.
    GRAZIE

    Mi piace

  75. Ciao Daniele,
    Fra 20 giorni andrò alla Svezia, in particolare Ystad, Malmo ecc.
    Ho bisogno di sapere se c’è qualche guida in italiano o spagnolo per visitare i posti, in particolare quelli collegati alla serie Wallander.
    Ho letto che al comune organizzano delle visite ma sono tutte in soltanto in inglese. Forse mi puoi consigliare qualche agenzia o qualcuno che parli la nostra lingua e che ci possa guidare?
    Grazie,
    Marta

    Mi piace

  76. Ciao Daniele,
    sono Mattia, verrò fine a questo mese in Svezia per trasferirmi, ma non sono ancora ben chiaro che quale documento che mi serve per l’iscrizione della richiesta del personal number svedese e a dove dovrò rivolgermi con due parole in inglese. Ti richiederei la gentilezza di una informazione per realizzare il mio primo passo in Svezia con il tuo suggerimento.
    Grazie mille,

    Mi piace

  77. ciao daniele di genova sono marco di brescia e ho una proposta commerciale da farti

    Mi piace

  78. Caro Daniele, ho letto la tua posta e sono allibita da ciò che scriveva ‘Enzo’ contro di te, accusandoti di essere ciò che in realtà è lui: arrogante, offensivo, permaloso (= coda di paglia).
    Ragionare con una persona del genere si rivela sempre controproducente, perché, di travisamento in travisamento, finiscono sempre per incolpare l’altro dei difetti propri. Diciamo che il tuo modo di ragionare non è tipicamente italiano (è un complimento!) e io, italiana che si sente poco italiana, sono d’accordo con te 100%.
    Scrivo questo con ritardo, mi spiace ma ti ho scoperto solo ora
    Con tutto l’apprezzamento dovuto ai nostri artisti e al gradevole ambiente mediterraneo, io adoro il paesaggio nordico e la neve, anche se preferisco stare al caldo, e mi incantano le ‘favole’ nordiche, piene di poesia. Apprezzo l’ordine, il rispetto e la discrezione. Apprezzo meno la grossolanità mediterranea in cui non mi ritrovo, forse perchè sono del nord Piemonte. Credo di aver sbagliato paese di nascita e avrei dovuto andarmene da ragazza, ora sono anziana e indipendente ma con la mia piccola pensione e poca conoscenza del web non vado più da nessuna parte,anche se conosco l’inglese.e non mi mancherebbe il coraggio.

    A te Daniele faccio tanti auguri, sei un ragazzo in gamba e ragioni bene. Se ti capita qualche altro ‘contestatore’ e gli vuoi rispondere, vedi se si serve delle tue risposte per ragionare o se intende solo controbattere a morte punto per punto. In tal caso non prendertela. Un abbraccio

    cambiare, anche se conosco l’inglese e il coraggio non mi mancherebbe.

    Mi piace

  79. ciao Aurora,
    sono d´accordo con te sulle tue opinioni sulla Svezia e gli svedesi e sull´Italia e gli italiani.
    Ho vissuto quasi sedici anni in Svezia, purtroppo per miei errori non ho acquisito la cittadinanza svedese, che mi avrebbe messo al sicuro, e son dovuto rientrare in Italia a seguito della morte della mia compagna e di essere rimasto da solo.
    Anche io sono pensionato e vivo nel nord Italia ed anche a me non mancherebbe il coraggio di ritornare in Svezia, ma ci sono problemi reali da valutare: il trovare alloggio ed arredare l´appartamento (non facile e non in breve tempo per i pensionati) e da anziani volere affrontare insieme le difficolta´ a cui si va incontro con l´eta` per la salute e l´assistenza medica, non intendendo bene la lingua svedese. Questi sono i problemi reali, per il resto tutto sarebbe superabile.
    Cordialmente

    Mi piace

  80. Ciao Daniele, ho 17 anni e mi piacerebbe frequentare l’universita’ in Svezia, ma non conosco lo svedese ne’ conosco qualcuno in Svezia. Volevo chiederti come potrei fare per trescorrere un mese o due in estate in Svezia per imparare un po’ la lingua e capire se e’ davvero li’ che voglio stare.. come potrei fare? Mi andrebbe benissimo anche da au pair, ma non so come prendere contatti..

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...