Chiudono i negozi

In Svezia la crisi si sente certamente meno che da altre parti, ma non mancano comunque problemi anche qua.
A Malmö, chi sta soffrendo particolarmente sono i piccoli esercenti delle zone centrali. Se le grandi strade dello shopping e del turismo, come Södra Förstadsgatan o Södergatan sembrano comunque tenere (ma anche un gigante come Pizza Hut si è dovuto spostare per via dei costi troppo elevati), nelle aree immediatamente adiacenti, da Baltzarsgatan a Triangeln passando per Davidshall, c’è una discreta moria di negozi che chiudono offrendo tutto a prezzi di saldo.
Se già prima la situazione non era brillantissima, l’apertura di Emporia ha dato la mazzata definitiva: il posto è una vera e propria città nella città, e gli abitanti di Malmö preferiscono passare il loro tempo lì piuttosto che nelle zone tradizionali dello shopping.
Ecco quindi che molti negozi chiudono, altri provano a spostarsi in cerca di fortuna, sperando magari di avere abbastanza passaggio e prezzi non proibitivi.
Uno dei problemi, peraltro, è che in molti casi ci sono contratti di affitto che vanno onorati, e non basta chiudere la società per liberarsene: fino a che non si trova una società disposta subentrare (e questa società deve essere comunque approvata dall’affittuario), non ci si libera del contratto.

Probabilmente, per chi vuole avere un’attività, oggi è decisamente più consigliato aprire all’interno di uno dei vari köpcentra, anche a costo di adattarsi alle loro regole ed esigenze. Meno indipendenza, costi più elevati, ma decisamente più gente di passaggio.
Noi, da parte nostra, ci siamo dovuti arrendere, e porre fine all’avventura della boutique di mia moglie: nonostante la zona centrale, letteralmente a pochi passi da Södra Förstadsgatan e nonostante una serie di recensioni entusiaste, non c’è mai stato il passaggio sufficiente a garantire i giusti introiti. E, dopo Emporia, le cose non sono certo migliorate.
Anche il Consolato Italiano, che ospitavamo gratis, si è dovuto spostare in altra sistemazione…
Adesso bisogna ricominciare, e per mia moglie si apriranno le strade della ricerca di un posto di lavoro. Non prima di un annetto e mezzo, però, dato che abbiamo importanti novità familiari in arrivo. Sarà dura, ma ce la faremo… 😀

Annunci

10 risposte a “Chiudono i negozi

  1. Mi dispiace per tua moglie ma quel sorriso in fondo al post prelude a cose belle 😉
    Qui in Italia è molto peggio, come tu sai.
    Un abbraccio da Zena!

    Mi piace

  2. Dispiace anche a me, ma purtroppo la Svezia, a parte forse il centro di Stoccolma, non é posto per negozi indipendenti o cose originali… andrá bene comunque ed auguri per tutto il bello che verrá.

    Mi piace

  3. la colpa di tutto sono questi grandi centri comunque la mentalita’ svedese non e’ come quella italiana!congratulazioni x la novita’ in arrivo😃

    Mi piace

  4. intanto contgratulazioni per le “sorprese future”.
    però più che un aspetto della crisi, mi sembra una tendenza di, mentalità, usanze e mercato quella che vede i piccoli negozi sovrastati dai grandi centri commerciali. in italia è peggio perchè proprio non c’è consumo e soffrono tutti, grandi centri e piccoli negozi.

    Mi piace

  5. Mi spiace per tua moglie ma vedendo che le novità buone ci sono allora bene 😀 se scrivessi un libro basato sul blog si sarebbe una novità!

    Mi piace

  6. CIAO CARISSIMO DANIELE
    STESSO SUCCESSO A NOI A VERONA DOPO SEI MESI ABBIAMO CHIUSO LA NOSTRA AGENZIA…..
    ORA LA VITA É. TROPPO DURA…
    MA SONO FELICISSIMO PER LA NOVITÀ IN CASA, ALLAH POI VI PROTEGGE…..

    Mi piace

  7. di sicuro la crisi influisce,ma più di tutto la mentalità non solo svedese, dei centri commerciali, io viaggio parecchio,almeno in Europa, e a parte casi di città davvero gigantesche come Parigi,Londra,Berlino…l’idea è quella di mettere sempre più “fuori” i negozi…questa estate sono andato a Milano a fare un giro (dato che atterro li quando rientro in Italia) e pensavo a quando ero ragazzo al numero di negozi ad esempio di musica che c’erano, indipendenti,tutti chiusi, o le librerie nel centro di Bergamo,tutte chiuse…ormai tra e-commerce e grandi magazzini il piccolo negoziante soccombe, dato che poi se rimane in città è magari accerchiato da catene di negozi…penso alla Svezia (e penso a Stoccolma)librai?qua in centro a Stoccolma ho trovato 2-3 librai indipendenti, e poi solo catene…e cosi per tanto altro…ormai la massificazione è ovunque…EVVIVA!! (ironico)

    Mi piace

  8. Mi spiace tanto per il negozio, da quel che avevo visto in foto aveva proprio l’impronta di Helena. Purtroppo c’è sempre meno spazio per le proposte originali, e tutto corre verso i soliti modi e marchi. In questo si che l’Europa sta raggiungendo una standardizzazione di successo. Vai in qualsiasi città e trovi sempre gli stessi negozi, gli stessi centri commerciali… du’ palle!

    Mi piace

  9. In realtá il trend in Svezia é 1 altro e seguendo giornali e telegiornali le statistiche parlano chiaro: l’e-commerce vince su tutto. In 5 anni lo shopping online in Svezia é aumentato del 300%. La popolazione preferisce comprare comodamente da casa invece di girare per negozi che siano in un köpcenter o in centro non fa differenza (se osservate attentamente anche Emporia é, esclusi i weekends, un deserto)

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...