Archivi categoria: Monarchia

ULTIM’ORA: Trump annuncia l’annessione della Svezia!

Quando Trump parla della Svezia, fa sempre clamore. Come dimenticare quel “Last Night in Sweden” di qualche settimana fa?
Nessuno, comunque, si aspettava l’annuncio bomba che è stato lanciato ieri sera: la Svezia diventerà il 51esimo stato Americano!

La notizia, riportata su Twitter, sta facendo in queste ore il giro del mondo!

 

 

Mentre tutte le attenzioni si rivolgevano ai collocui fra la Trump Campaign e il governo russo, infatti, il POTUS ha sorpreso tutti: da mesi, infatti, andavano avanti colloqui privati segreti con il Re di Svezia relativi alla sorprendente annessione, messa in atto proprio per risolvere i molteplici problemi della nazione scandinava!
La Svezia guadagnerà più ordine e l’espulsione immediata di tutti gli immigrati (inclusi gli europei che non abbiano ancora acquisito la cittadinanza), nonché un nuovo muro, pagato dalla Danimarca, alla fine del ponte di Öresund.
Gli Stati Uniti guadagneranno, finalmente, uno stato in Europa a due passi dalla Russia, nonché la fika e le celebrate patate svedesi.
Inutile dire che il costoso apparato statale svedese sarà pesantemente rivisto in ottica liberista, con l’abrogazione immediata della sanità pubblica e di concetti desueti come “congedo parentale pagato”, “pensione di stato”. Forte anche la deregolamentazione in campo privato, con l’abolizione delle ferie e delle protezioni nei confronti dei lavoratori.
Piccoli prezzi da pagare, per avere un Paese nuovamente Grande.

Curiosamente, la Svezia, inteso come Stato membro degli USA, continuerà ad essere una Monarchia: invece di avere un Governatore, conserverà infatti il suo Re.
Attendiamo quindi questo nuovo grande, radioso futuro a stelle e strisce! Tack Mr. President, si goda le sue battute di pesca a Mar-a-Lago e venga a trovarci presto!

Annunci

E la Svezia dichiara il default finanziario…

Sicuramente nessuno lo avrebbe ritenuto possibile pochi mesi fa, ma le notizie di questi ultimi giorni lasciavano davvero poche via di uscita: con l’economia sconvolta dal recente pasticcio elettorale dello scorso autunno, e dal budget di primavera contrastante con quello di fine anno, le finanze del Regno sono andate letteralmente a bagno, mettendo il governo di fronte ad una difficilissima situazione.
L’impennarsi del debito pubblico rischiava infatti di lasciare la Svezia in difficoltà, soffocando la crescita nazionale e, soprattutto, di demolire quello che resta del welfare nazionale: di fronte a scelte che avrebbero tagliato le gambe alla popolazione, il primo ministro Stefan Löfven ha scelto, alla fine, la strada più clamorosa.
Il governo ha infatti dichiarato il default, una sorta di fallimento pilotato che permetterà alla Svezia di tirare avanti quasi senza problemi dopo una fase di transizione: in parole povere, la Svezia ha scelto di non pagare il conto e fare (quasi) finta di niente.

Ma come si è arrivati decisione? La cifra del debito non era certo enorme: ancora nel 2013 ammontava a 220 miliardi di dollari e, pur crescendo notevolmente nell’ultimo periodo, non può avere raggiunto numeri così devastanti. Si è trattato quindi di una scelta puramente politica, voluta per non cadere in politiche di austerity. Il Governo ha scelto addirittura di segretare la cifra esatta, per evitare strumentalizzazioni e polemiche: quello che è certo è che, fra i creditori che non vedranno quasi il becco di un öre ci sono tutte quelle aziende italiane che riforniscono lo stato svedese con derrate alimentari, pescato del Mediterraneo, tessuti, abbigliamento e tutte ciò che viene regolarmente esportato dal Bel Paese.

Come spera la Svezia di uscire dalla situazione? Tutto è stato programmato nel dettaglio. La notizia più clamorosa è, ovviamente, quella dello scioglimento del parlamento, della dissoluzione del governo e delle amministrazioni locali, nonché della temporanea sospensione delle garanzie costituzionazionali. In pratica, fino al settembre 2018 (quando si terranno le prossime elezioni), il Re tornerà a governare autonomamente il paese, con l’ausilio non vincolante di un consiglio di nobili che opereranno gratuitamente in nome della comunità. Tutto questo permetterà di eliminare per tre anni e mezzo i costi della politica, contribuendo quindi alla possibilità di rimpinguare le casse della nuova nazione.
Durante questa fase di transizione, quello della nobiltà sarà un ruolo fondamentale: conti, marchesi e compagnia si occuperanno infatti di gestire le province, raccogliere le tasse e amministrare le città, curare la manutenzione dei beni pubblici, e garantire il funzionamento dei servizi e della sanità. Tutto questo, a titolo puramente gratuito e onorifico, in cambio della restaurazione di tutti i privilegi disconcessi negli ultimi dieci anni. Qualcuno ironizza anche sul possibile ritorno dello ius prima noctis (che in realtà non è mai esistito), ma, chiaramente, non è previsto nulla di tutto ciò: i nobili svedesi hanno infatti giurato solennemente di gestire la nazione in maniera moderna, nel pieno rispetto delle persone, delle differenze di idee, della libertà di parola e del bene comune. La loro promessa è che tutto resterà come prima, solo che non ci saranno più i politici disonesti e incapaci.
Fra tutti questi nobili, un solo cittadino comune (non chiamiamolo “plebeo”) sarà ammesso nel consiglio reale: il sondaggista Karl “Kalle” Kaviar si occuperà di raccogliere e scremare via web le opinioni, le richieste e le idee dei sudditi di Svezia e propore regolarmente al Re, che (senza impegno) le valuterà al momento di prendere le sue decisioni. Kalle, sarà l’unica persona del consiglio a percepire uno stipendio, peraltro non particolarmente elevato.

Il concetto di nuova nazione, accennato brevemente sopra, è l’elemento fondamentale dell’operazione: con la data di oggi, il vecchio “Regno di Svezia” (Konungariket Sverige, 1523), smette quasi totalmente di esistere, e si porterà con sè i vecchi debiti per essere sostituito dal “Nuovo Impero Svedese del 2015” (Det Nya Svenska Imperiet – anno 2015), che acquisisce a titolo gratuito i possedimenti e i beni del vecchio stato. Il quasi totalmente di cui sopra è riferito al fatto che il comune di Bjurholm, il meno popoloso della nazione, diventerà l’unico territorio rimasto del Vecchio Regno, che sarà quindi ridotto al ruolo di città stato ed erediterà tutto il debito pre-esistente. I 2500 abitanti di Bjurholm hanno tempo fino alle 17 di oggi per emigrare al di fuori dal territorio comunale, assumendo così automaticamente la cittadinanza della Nuova Svezia: chi deciderà di restare potrà partecipare alla scelta di un nuovo Re per gli anni a venire. Qualcuno, però, parla già di “Re dei poveri”: i creditori potranno infatti recarsi nel territorio di Bjurholm e prendere possesso di ciò che più aggrada loro come parziale compensazione per i mancati pagamenti.

Il Re vero, quello che governerà dal Palazzo Reale di Stoccolma, continuerà a chiamarsi Re. Il buon Carlo Gustavo ha infatti stabilito che il chiamare il nuovo stato “Impero” è solo una necessità formale per lasciare un chiaro segno di discontinuità con il passato, e non ha alcuna intenzione di utilizzare il più pomposo (e, decisamente inadatto nella terra in cui tutto è lagom) titolo di Imperatore. Quello che cambierà sarà il suo nome: se nel vecchio regno era il sedicesimo a portarlo, in quello nuovo è il primo. Sparisce quindi il XVI.
Il Re, dicevamo, si è preso carico della nazione: avrà in mano l’intero potere esecutivo e legislativo, e si è impegnato a dare al suo governo (sempre, però, senza alcun vincolo) una linea politica di stampo socialdemocratico, nel rispetto delle ultime elezioni.

A ribadire la modernità e la multiculturalità della Svezia del 2015, alla Chiesa di Svezia è stato concesso il compito di amministrare, nel rispetto della legge, alcune aree troppo isolate per essere gestite direttamente dalla nobiltà, ma ruoli simili saranno concessi anche a congregazioni musulmane, ebree e associazioni culturali atee e razionaliste.

Un elemento chiave dell’operazione sarà la valuta: i due stati avranno ognuno la propria. Fra le due monete esisterà un rapporto identico a quello che c’era fra la Lira Sammarinese e quella Italiana: saranno di pari valore e valide in entrambi gli stati. Bjurholm, però, non potrá stampare moneta fino a che Stoccolma non avrà assorbito e sostituito con le nuove corone la quasi totalità delle vecchie in circolazione sul suo territorio.
I vecchi documenti saranno validi fino alla scadenza, ma non i passaporti, che saranno sostituiti gratuitamente con i nuovi passaporti imperiali nei prossimi giorni; mentre è stato già negoziato un accordo con l’UE che prevede l’inclusione automatica del nuovo stato all’interno dell’Unione.

Cosa ci aspetterà, quindi, in futuro? In questi tre anni e mezzo di transizione, la monarchia assoluta, illuminata e modernista di Carl Gustav potrebbe portare la Svezia verso una vera e propria età dell’oro economica, che vedrà un forte aumento dell’occupazione e un rafforzamento del welfare e delle politiche sociali. Il parlamento e il governo che erediteranno la Svezia dopo le elezioni del 9 settembre 2018, avranno sicuramente una grandissima chance di continuare questo lavoro partendo con la strada spianata.

Quello che è certo è che questo secondo default europeo (dopo quello islandese di qualche anno fa) potrebbe spianare la strada a percorsi simili per paesi in grossa difficoltà come la Grecia e l’Italia. Riuscite a immaginare la vecchia Repubblica Italiana ridotta al solo territorio di Lampedusa o Campione, con tutto il debito pubblico lasciato ai relativi residenti, e dei nuovi Stati Uniti d’Italia, senza alcun debito pubblico, magari con una nuova lira per valuta ed un economia pronta a ripartire? Una prospettiva da sogno, non pensate?

Avere un Re

A volte mi capita che qualche amico o conoscente italiano mi chieda come ci si senta, da cittadino svedese, ad avere un Re.
La premessa fondamentale è che io sono repubblicano per convinzione, anche al di là del fatto che l’Italia ha avuto, con i Savoia, la peggiore monarchia possibile, con una famiglia gretta e meschina che al Paese ha dato molti più danni che benefici (sì, contando anche l’unità nazionale stessa, per i modi in cui è stata gestita).
Ribadisco però che, se anche l’Italia avesse avuto una famiglia reale decente, sarei comunque repubblicano.

Addirittura, non sono mancati commenti un po’ strampalati di chi mi ha detto cose del tipo “In Svezia le cose funzionano perché c’è la monarchia”. Ovviamente questa è una cosa senza alcun senso, e spiegherò più avanti perchè.

Dopo avere avuto qualche mese per rifletterci, posso dire di essere giunto alla conclusione di non avere alcun problema ad essere cittadino di una monarchia. Davvero… non solo la cosa non mi scompone, ma non sento neanche la necessità di volere richiedere un cambiamento. Da repubblicano, la monarchia svedese mi va benissimo, e se mai un giorno ci fosse un referendum per la sua abolizione, probabilmente mi asterrei persino dal votare: non potrei mai votare a favore, ma non ho, in realtà, nulla contro la monarchia come è qui.

La famiglia reale - immagine dal sito ufficiale

La famiglia reale – dal sito ufficiale

I motivi sono molteplici, e il più banale è che, semplicemente, la famiglia reale, nella sua incarnazione attuale, mi sta persino simpatica. L’impressione è che, soprattutto i figli, siano addirittura persone alla mano, e non degli “snob aristocratici” come qualcuno potrebbe automaticamente pensare. Hanno un ruolo rappresentativo, lo svolgono come meglio possono, pur con i loro difetti e pregi di persone normali. Sono sicuramente dei gran privilegiati, ma questo non fa di loro delle cattive persone.
La futura regina Victoria ha un’aria naturale da “amica di famiglia” che te la rende immediatamente amabile, e pare che anche la sorella minore Madeleine abbia sempre tenuto atteggiamenti informali apprezzati dalla popolazione. Il re Carl Gustav ha sicuramente qualche problema di popolarità in più per via delle sue ben note scappatelle extraconiugali (poca cosa rispetto a certe cose viste in Italia) ma, alla fine, viene per lo meno “sopportato” da gran parte della popolazione. Sua moglie, la regina Silvia, è generalmente vista con simpatia (e, a volte, empatia) e il massimo risentimento nei suoi confronti sta nel fatto che, dopo quasi quarant’anni, non parla ancora, lei nata in Germania, uno svedese perfetto.
Nessuno dei tre figli del Re ha, poi, legami sentimentali aristocratici: Victoria ha sposato il suo allenatore personale, Carl Philip vive con una modella, Madeleine ha preso per marito un uomo d’affari anglo-americano (che ha anche rifiutato ogni titolo ufficiale). La stessa regina Silvia non è di sangue blu.

A parte la simpatia personale, che conta fino ad un certo punto, influisce anche il ruolo storico della monarchia: la Svezia è sempre stata un regno, e questo aspetto tradizionale è un ruolo sicuramente caratterizzante per il paese stesso. Dato che, per me, il prendere la cittadinanza è stato un evento sentito, e non una semplice necessità burocratica, ecco che accettare gli elementi della tradizione è un fatto naturale. Insomma, mi sento felice fino in fondo di essere diventato un cittadino svedese e quindi rispetto la sua massima istituzione formale nazionale, oltre che apprezzarne il lato più moderno e progressista. Altri, ovviamente, possono avere sentimenti differenti.

Ma cos’è la monarchia svedese oggi? A differenza che per altri regni, come l’Inghilterra, qui il Re ha un ruolo puramente cerimoniale. Non ha alcun potere politico e ha solo il compito di rappresentare il suo popolo e la nazione. È da notare, fra le altre cose, come la famiglia Bernadotte, di origine francese, sia stata messa sul trono dal Parlamento nel 1810: è stato quindi il popolo (o, almeno, parte di esso) a scegliersi i suoi regnanti attuali. Con gli anni, i poteri del Re sono stati via via decurtati, fino al raggiungersi dello stato attuale di monarchia puramente rappresentativa.

Addirittura, il Re non ha neanche il potere di decidere su questioni che riguardano la linea dinastica. Il caso più celebre è quello che riguarda Victoria, primogenita, e Carl Philip, secondogenito: fino al 1980, la consuetudine prevedeva che il trono passasse al primo figlio maschio e che le donne di famiglia potessero ascendere al trono solo in mancanza di uomini. Carl Philip, nato nel 1979, era quindi l’erede designato, anche se Victoria era nata due anni prima.
Agli Svedesi questa discriminazione nei confronti della piccola Victoria non andava giù: contro il parere del Re, che parteggiava per il maschietto, il Parlamento varò un Atto di Successione che stabilì il diritto di primogenitura assoluta. A sette mesi di vita, Carl Philip fu quindi spogliato del ruolo, che venne restituito a Victoria, di erede disegnato. E il Re non potè fare nulla per opporvisi.
Oggi Carl Philip è il terzo nella linea di successione al trono, dopo Victoria e la di lei primogenita Estelle: nato per essere Re, probabilmente non lo sarà mai.

Quindi, se ancora qualcuno se lo chiede (e la cosa mi stupisce ogni qual volta capiti), il fatto che la Svezia sia una nazione efficiente non ha nulla a che vedere con l’istituzione

Perché la Svezia continua quindi ad avere una monarchia, se il ruolo di quest’ultima è solo rappresentativo? Il motivo è semplice: la monarchia ha i suoi costi, ma genera comunque interesse, turismo e tiene in piedi l’industria del merchandise. E poi perché è una tradizione, e le tradizioni hanno sempre il loro fascino.
La maggior parte degli svedesi resta oggi favorevole, anche se, anno dopo anno, i supporter della sua abrogazione vanno via via aumentando: c’è chi, analizzando il trend, prevede che Estelle non salirà mai al trono, immaginando giorni contati per l’istituzione. C’è poi una parte di svedesi che resta favorevole alla monarchia ma ha problemi con re Carl Gustav, come chi, monarchico ultraconvinto, non apprezza il fatto che sia il re che i suoi tre “pargoli” abbiano tutti scelto di legarsi a persone non aristocratiche. In generale, il supporto per la monarchia è maggiore di quello per la casa Bernadotte, anche se è possibile che l’ascesa al trono di Victoria possa, in qualche modo, cambiare le carte in tavola.

La Principessa Victoria con Jon Lord e Jimmy Page © Patrik Österberg / Polar Music Prize

La Principessa Victoria con Jon Lord e Jimmy Page
© Patrik Österberg / Polar Music Prize

Cosa succederà alla monarchia svedese è quindi tutto da vedere. Per quanto riguarda me, la posso continuare sopportare senza troppi problemi: anche per un repubblicano, avere un Re non cambia la vita.