Quest’anno ci siamo persi il våffeldagen!

Quest’anno, il 25 marzo, ci siamo persi una delle mie tradizioni alimentari preferite di Svezia.
Poco male, perché la mattina di quel giorno eravamo impegnati nel reparto Förlossningsavdelning dell’ospedale di Malmö nell’esperienza più bella della nostra vita, la nascita della nostra piccola Aurora.

Avevamo pianificato tutto per benino, ma le cose non sono andate esattamente come previsto. Visto anche che la differenza è di soli dieci minuti di macchina, la nostra intenzione era infatti di partorire in quel di Lund, per un paio di motivi fondamentali. Il primo è che, a quel che abbiamo letto in giro, Malmö non ha la migliore delle reputazioni, per quanto riguarda la soddisfazione delle partorienti. In genere, chi ha potuto provare l’esperienza del parto in entrambi i posti, raccomanda Lund. Anche alcuni amici e conoscenti ci hanno consigliato la più piccola cittadina universitaria, la cui Kvinnokliniken ha invece una buona reputazione (e poco importa che, tecnicamente, quelli di Lund e Malmö compongano in realtà un ospedale unico, lo Skånes universitetssjukhus).
Il secondo motivo è la gestione del post parto: mentre in gran parte della Svezia le donne vengono mandate a casa direttamente o, in caso di problemi, ospitate per qualche giorno in un reparto dell’ospedale, a Lund esiste una struttura particolare che si chiama Patienthotellet. Questo albergo ospedaliero ha una triplice funzione: dare alloggio ai familiari di persone ricoverate, ospitare alcuni pazienti convalescenti che non hanno bisogno di attenzioni mediche continue, e includere anche il reparto maternità post parto. A differenza che in altri posti, i partner (ed eventuali altri figli) possono passare le notti assieme alla neomamma, in una vera e propria stanza d’albergo con infermieri e ostetriche a disposizione sullo stesso piano per supporto, controlli e consigli. L’hotel è, purché ci sia posto, a disposizione di tutti i residenti dello Skåne, indipendentemente da dove avvenga il parto: certo, per chi voglia approfittarne, partorire a Lund è decisamente più comodo. Per quanto riguarda i prezzi, per la mamma è tutto gratis (pernottamento, pasti, controlli) mentre il partner deve pagare delle cifre ragionevoli.

Domenica in tarda serata abbiamo fatto le prove generali: Helena aveva delle forti contrazioni, pur senza dolore, e, quando abbiamo chiamato Lund, ci hanno chiesto di andare per un controllo. Era un palese falso allarme, e abbiamo preso il tutto come un’esercitazione: dopo alcuni controlli, nel mezzo della notte ci hanno rispedito a casa.
Con sole poche ore di sonno alle spalle, il mattino dopo, appena il tempo di arrivare al lavoro (ovviamente a Lund) e questa volta l’allarme era verissimo.
Dopo l’ennesimo percorso Lund-Malmö-Lund siamo stati accolti nella Kvinnokliniken: con grande delusione siamo però stati rispediti a casa dopo il primo controllo in quanto, pur essendosi rotte le acque, il travaglio era ancora nella fase iniziale.

Nel pomeriggio i dolori si sono fatti insostenibili e allora è stato il momento di prepararci nuovamente: quando però abbiamo chiamato Lund la risposta è stata negativa: erano pieni, e saremmo dovuti andare a Malmö.
Non nascondiamo però di averlo fatto volentieri. Le sensazioni relative al reparto di Lund non sono state infatti positivissime. Un po’ per via di lavori in corso all’interno dell’edificio, che rendevano il tutto decisamente più stressante, un po’ perché le ostetriche con cui abbiamo avuto anche fare erano meno cordiali di quelle che avevamo incontrato in precedenza durante i nostri controlli all’ospedale di Malmö, non eravamo più sicuri di volerlo fare a Lund in ogni caso. E il fatto di risparmiare dieci minuti di macchina (abbiamo preso un taxi) questa volta ci è all’improvviso sembrata una cosa meravigliosa.

Arrivati alla Kvinnokliniken di Malmö intorno alle 17:30 sono però ricominciati i dubbi: l’ostetrica che ci è toccata ci ha fatto improvvisamente rimpiangere le due che abbiamo incontrato a Lund. Ruvida nel parlare (provava ad essere cordiale, ma la cosa non era nelle sue capacità), indiscutibilmente professionale ma imbranata (e dolorosa per la mamma) in qualunque operazione… siamo stati più volte sul punto di richiedere il cambio, come da nostro diritto. Abbiamo tenuto duro anche per il fatto che l’infermiera che l’assisteva era una persona dolcissima e meravigliosa, cosa che ci ha restituito qualche speranza nell’umanita. Per fortuna, l’incubo è finito alle 21:15, quando c’è stato il cambio turno e sono arrivate due persone splendide, entrambe in gamba, tranquillizzanti e comprensive, che ci hanno seguito per tutta la notte andando anche al di là del loro orario pur di concludere l’operazione con noi.

E di tempo ce n’è voluto: erano quasi le sette del mattino, 24 ore dopo la prima contrazione e 23 dopo la rottura delle acque, che la piccola Aurora, bella più che mai, è venuta al mondo urlando e scalciando.
Un gran bravissima alla mamma che ha tenuto duro per tutto il tempo!

Finito il tutto, abbiamo rischiato seriamente di essere mandati a casa a fine mattinata, dato che il Patienthotellet era quasi completamente pieno. Per fortuna si è liberato un posto per mezzogiorno: la regione Skåne ci ha pagato anche il taxi fino a Lund e ora ci godiamo tra di noi le nostre notti insonni e i nostri pannolini, sempre potendo contare sull’assistenza di uno staff paramedico a nostra disposizione.
Forse domani andremo a casa, forse no… intanto i miei primi dieci giorni di congedo parentale retribuito (un diritto/dovere di tutti i papà in Svezia) hanno iniziato a scorrere.
Certo che sono sensazioni magnifiche!

13 risposte a “Quest’anno ci siamo persi il våffeldagen!

  1. Contentissimo per voi! Nonostante debbano essere momenti in cui per la testa passano mille pensieri, sei riuscito anche a fare una cronaca lucida.
    Un forte abbraccio da me e Pia a tutti e tre!

    Mi piace

  2. ^_^ Auguri!!!

    Mi piace

  3. Giulia (la piccolavichinga)

    Tante congratulazioni! E complimenti anche per il nome che avete scemo, che mi piace molto. Secondo me fate bene a non andare subito a casa, visto che è la prima figlia, perché i dubbi e le ansie che possono venire nell’accudire un neonatino sono davvero tanti🙂

    Mi piace

  4. Giulia (la piccolavichinga)

    *scelto*, non scemo… scusami!😀

    Mi piace

    • 😀

      Aurora è il nome su cui siamo andati d’accordo sin dall’inizio della gravidanza. A me piace perché, pur essendo un nome latino, fa anche pensare all’aurora boreale. E comunque mi è sempre piaciuto.
      Se fosse stato un maschietto avremmo avuto molte più difficoltà: io continuavo a proporre nomi vichinghi e mia moglie, che ne voleva uno italiano, me li cassava tutti.😀

      Mi piace

  5. E bravi🙂
    La magliettina rossoblu gliela hai già comprata?😉

    Mi piace

  6. Leggere di una bella nascita, pur dopo un bel po’ di anni che faccio questo lavoro, e’ sempre un piacere. Leggere della gestione pre-e post partum e’ interessantissimo, soprattutto un’istituzione come il Patienthotellet mi sembra davvero utile ed interessante. Mi spiace che avete trovato una collega imbranata e poco empatica nella prima parte del travaglio…per fortuna i turn cambiano!
    Bacio a tutti e tre (ma quello piu’ grande per Aurora

    Mi piace

  7. Congratulazioni! Io ho partorito il mio primo figlio a Shanghai. Nell’ospedale scelto potevamo stare tutti insieme alla notte e per me è mio marito sono state notti speciali. Senza nessun parente, solo noi. Tutto il nostro mondo racchiuso in quella stanza. Il personale era così carino e buono il cibo che quasi quasi volevamo rimanere un po’ di più!

    Mi piace

  8. Tanti, tanti, tanti auguri e congratulazioni a te ed Helena!🙂

    Mi piace

  9. Congratulazioni! Non mi pronuncio sugli ospedali, perche’ per noi e’ stato molto un disastro la prima volta (a Lund), tant’e’ che volevamo andare a Malmö la seconda, ma siamo stati sfortunati. Migliore il secondo tentativo, ma uno deve anche sapere come reagire🙂
    Cmq, a quanto so la degenza della madre e’ a pagamento (ma 80 corone al giorno).

    Mi piace

  10. Benvenuta alla vostra piccola. Quello è proprio un altro mondo, ma le persone sono pur sempre individui, più o meno accoglienti, cordiali, empartiche… tanti auguri a Mamma e papà

    Mi piace

  11. tantissimi auguri per la nascita della vostra piccola Aurora

    Mi piace

  12. Congratulazioni. … è sempre un piacere leggerti. Una carezza sul vostro cuore.
    sabry

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...